Sabato 25 Maggio 2013

Mariano, ritardo sulla discarica
A rischio i fondi per le scuole

MARIANO L'amministrazione provinciale di Como è pronta a rilasciare l'autorizzazione per la riapertura della discarica di Cascina Settuzzi. Ma adesso per il Comune di Mariano Comense potrebbe essere troppo tardi.

Il rischio è quello non solo di perdere le ipotizzate entrate da un milione e 400 mila euro derivanti dai futuri conferimenti, ma addirittura di dover tirar fuori di tasca propria 200 mila euro necessari a sistemare l'avallamento che si è creato su un fianco dell'impianto di smaltimento, togliendo disponibilità ai già ridottissimi investimenti che il Comune potrebbe realizzare quest'anno.

Il paradosso si sta verificando perché a fronte della richiesta di autorizzazione alla riapertura della discarica presentata da Mariano a Villa Saporiti lo scorso 6 agosto, solo ora l'ente provinciale è pronto a consegnare al Comune l'autorizzazione: «Si tratta di procedure complesse» spiega Franco Binaghi, dirigente del settore ecologia della Provincia.

In bilico resta quindi anche la possibilità di ottenere, tramite gli 1,4 milioni di euro che sarebbero arrivati con i nuovi conferimenti in discarica, i fondi destinati alla riqualificazione del polo scolastico di via Sant'Ambrogio.

Altri dettagli sul numero in edicola.

p.batte

© riproduzione riservata