Lunedì 16 Febbraio 2009

È scattato il piano antibuche
Auto in coda fino a Grandate

Il piano antibuche scattato ieri, lunedì 16 (250mila euro per rimettere a posto 8mila mq di strade cittadine) ha creato, come previsto, disagi alla viabilità. Il cantiere in via Napoleona, durato dalle 9.30 fino alle 17.30, ha costretto al restringimento della corsia a scendere. Le code di automobili si sono formate fino quasi a Grandate, lungo tutta la via Pasquale Paoli. Neanche a farlo apposta verso le 13 un piccolo tamponamento sulla corsia in salita (risolto senza feriti e con la semplice constatazione amichevole dei conducenti) ha peggiorato la situazione e per almeno venti minuti gli automobilisti comaschi hanno dovuto fare i conti con un traffico newyorkese. La buona notizia è che fino alla prossima estate via Napoleona, maltempo permettendo, non dovrebbe essere interessata da nuovi cantieri. La notizia meno buona è che il piano antibuche proseguirà per alcuni giorni sulle altre principali arterie cittadine con conseguenti disagi viabilistici soprattutto nelle ore di punta.
Stamattina tocca a via Oltrecolle. È il secondo degli interventi straordinari di manutenzione delle strade programmati per chiudere le numerose buche che si sono create a seguito delle avverse condizioni del maltempo di gennaio e inizio febbraio. Gli operai saranno al lavoro nel tratto tra la rotonda e via Buozzi. L’intervento di via Oltrecolle, così come tutti gli altri in programma, non prevede il semplice rattoppo di ogni buca. Le tre imprese incaricate (Foti, Cartocci e Gini alle quali il Comune ha affidato i lavori con verbale di somma urgenza che ha permesso i lunghi tempi della gara d’appalto, ndr) provvederanno alla fresatura e asfaltatura di lunghi tratti di manto stradale per uno spessore di circa 8 centimetri. L’orario in cui uomini e mezzi saranno all’opera è sempre il medesimo. Dalle 9.30 fino al pomeriggio. Infatti, i lavori di asfaltatura richiedono temperature calde e per questo non possono essere effettuati di notte. Ogni mini cantiere durerà un solo giorno.
Dopo via Oltrecolle i lavori riguarderanno, con le stesse modalità, via Dante (fino a via Dottesio), viale Giulio Cesare e numerose altre vie periferiche ad alta percorrenza, come via D’Annunzio, ma anche via Rienza.
I 250mila euro che il Comune ha stanziato per costituire il fondo straordinario per i lavori non è sufficiente a ripristinare la normalità su tutti i 14mila mq di strade che necessitano di interventi urgenti. «Bastano per 8mila mq - ha spiegato l’assessore alla Viabilità, Fulvio Caradonna - ma il resto lo metteremo a posto tra la primavera e l’estate. Ora provvediamo alle situazioni più urgenti e pericolose».

a.cavalcanti

© riproduzione riservata