Sabato 23 Maggio 2009

Cerbiatto scende in città:
salvato dopo otto ore

COMO - Ore 17,35: missione compiuta, il cerbiatto sceso in città è stato salvato dopo otto ore d’intervento. Oggi decine di curiosi hanno assistito dalle dieci del mattino fino a sera all’intervento dei vigili del fuoco e delle guardie ecologiche della Provincia impegnati nella missione di salvataggio di "Bambi" in riva al Cosia, nella zona di San Martino.
Da quanto è stato possibile ricostruire, l’esemplare (una femmina) sarebbe sceso dalla zona boschiva per abbeverarsi ma, poi, arrivato fino in città non sarebbe più riuscito a tornare con le sue zampe verso le alture. La sua presenza non è ovviamente passata inosservata ai pedoni che, vedendo il cerbiatto sul greto del Cosia, hanno chiamato il 115. Il lavoro per i pompieri, intervenuti sul posto insieme alle guardie venatorie provinciali, non si è presentato per nulla agevole: l’animale, molto spaventato, si è infatti rifugiato nel tunnel che porta a lago, rendendo il suo recupero molto difficoltoso.
L’operazione, iniziata verso le 10, si è conclusa con il lieto fine solo alle 17,30 quando l’animale, narcotizzato, è stato estratto dal rifugio in cui si era infilato (alle uscite della galleria erano state poste reti che avrebbero reso impossibile al cerbiatto la fuga). Il pubblico che si era raccolto in zona ha accolto con un grande sospiro di sollievo e applausi la fine della storia di Bambi che è stato liberato nella zona boschiva.
G. d. V.

g.devita

© riproduzione riservata