Sabato 01 Agosto 2009

Cantù, estorsione ai familiari
Arrestato dai carabinieri

CANTU' È arrivato in caserma, in sella a una moto da corsa senza targa e senza patente. Voleva raccontare un suo problema ai militari che, però, lo hanno arrestato: non per la guida senza documenti, ma per un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa da poco dal tribunale di Como per estorsione, aggravata dalla continuazione.
È così finito in carcere Diego Di Fonso, 32 anni di Mirabello - vive in via Tiziano - che era stato denunciato dai parenti per una serie di episodi avvenuti nell’arco di circa un anno. L’accusa, come detto, è davvero pesante: estorsione aggravata. Secondo le indagini portate avanti carabinieri della stazione di Cantù, l’uomo in questi mesi si era reso protagonista di varie minacce nei confronti dei parenti: la madre, il padre, il fratello e anche il cognato. Il tutto - pare - per avere ogni due o tre giorni cifre variabili tra i 30 e i 50 euro, soldi che avrebbe utilizzato per l’acquisto di sostanze stupefacenti.
Una situazione davvero difficile, quella che viveva la sua famiglia nell’abitazione di via Tiziano. Che si è conclusa con l'arresto per estorsione: Diego Di Fonso è stato portato al carcere del Bassone.

r.foglia

© riproduzione riservata