Cernobbio: in pensione
lo storico barbiere

Gaetano Ferrera, l’ultimo parrucchiere del centro storico, ha deciso di smettere dopo 42 anni e a ha scritto a mano il biglietto con il commiato «all’affezionata clientela» e un significativo ringraziamento alla comunità di Cernobbio che per almeno tre generazioni è passata dalla bottega per fare barba e capelli

Cernobbio: in pensione lo storico barbiere
CERNOBBIO In agosto ha dato l’ultimo colpo di spazzola a un affezionato cliente, poi ha abbassato la saracinesca com’era abituato a fare da 42 anni, ha affisso il consueto avviso di «chiuso per ferie» e con la moglie è partito per una vacanza a Taormina. Il riposo è stato anche tempo di meditazione e al ritorno, Gaetano Ferrera, l’ultimo parrucchiere del centro storico, ha deciso per lo stop definitivo e il chiuso per ferie è stato sostituito da un biglietto scritto a mano con il commiato «all’affezionata clientela» e un significativo ringraziamento alla comunità di Cernobbio che per almeno tre generazioni è passata dalla bottega per fare barba e capelli. In una città di settemila abitanti sono ora rimasti due soli parrucchieri da uomo, uno nel quartiere San Giuseppe e un altro a Piazza Santo Stefano, un ulteriore segnale di cambiamento della società che riserva sempre minore spazio alle tradizionali attività artigianali.Gaetano ha lavorato per 50 anni con certosina puntualità, per un anno a Cantù, per altri sette nel negozio di Luciano Monti in via Cinque Giornate a Cernobbio, poi nel 1967 si era messo in proprio in via Garibaldi, a dieci metri dalla Riva, subentrato a Emanuele Cappelletti in un negozio di parrucchiere da uomo che esisteva da almeno un secolo. A aiutarlo c’era il fratello Roberto. Ha servito personaggi illustri ospiti della Cernobbio turistica, calciatori e clienti di Villa d’Este che spesso raggiungevano il negozio accompagnati dalle guardie del corpo. In certe occasioni, per clienti di prestigio veniva chiamato al grand hotel come nel caso di un giovane principe arabo che una certa mattina, pur avendo pochi peli sul viso, s’era svegliato con l’idea di dare una regolata ai ben poco appariscenti baffi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA