Giovedì 08 Ottobre 2009

Passeggiar Gustando
10mila euro a L'Aquila

Sono 10.127 euro e oltre 6 mila degustazioni offerte. È questo il bilancio record della quarta edizione di «Passeggiar Gustando», la manifestazione dei gastronomi, salumieri , macellai e fruttivendoli Ascom e dei panettieri dell’Aspan. Dal Sentierone, trasformato domenica scorsa in «ristorante», in occasione dell’ormai tradizionale festa del commercio e della famiglia, le categorie dell’Ascom hanno voluto lanciare un importante messaggio di solidarietà ai colleghi abruzzesi: il ricavato della manifestazione sarà interamente devoluto ad progetto di Confcommercio L’Aquila per far ripartire le attività commerciali della città, devastata dal terremoto.

«Si tratta della continuazione del percorso intrapreso dai nostri rappresentanti di categoria che hanno mostrato la loro solidarietà in occasione del vertice nazionale della Fida nel capoluogo abruzzese – ha dichiarato Paolo Malvestiti, presidente dell’Ascom -. Siamo orgogliosi del successo della manifestazione: l’intero ricavato contribuirà a sostenere un importante progetto per la ripresa delle attività produttive dei colleghi de L’Aquila».

All’evento ha tenuto ad essere presente Celso Cioni, direttore di Confcommercio de L’Aquila: «Bergamo è una città che ha dato un importante contributo alla ricostruzione dell’Abruzzo sin dalle prime ore dopo il terremoto, con l’importante ed instancabile lavoro dei vigili del fuoco bergamaschi che hanno fatto davvero dei miracoli. Bergamo e L’Aquila sono per me due città molto vicine e simili. Questa iniziativa dà un grande contributo alle nostre categorie del terziario. Ringrazio l’Ascom, a nome di tutti i commercianti de L’Aquila, per l’importante sostegno». A Passeggiar Gustando ha partecipato anche l’assessore alle attività produttive Enrica Foppa Pedretti, che ha sottolineato l’interesse della rassegna gastronomica, patrocinata dal Comune.

Ecco qualche numero della rassegna gastronomica: i macellai hanno portato sul Sentierone 2200 chili di carne (tra salamelle, spiedini e hamburger), i salumieri 250 chili di salumi (6 prosciutti crudi e 4 cotti, 20 salami, 10 lardi millesimati); 200 i chili di formaggio consumati, 350 i chili di riso e 300 di orzotto preparati con 350 chili di riso e 20 di verdure; 4000 le porzioni di frutta (bananito, uva, macedonia, anguria e melone) offerte in assaggio dai fruttivendoli. I panificatori dell’Aspan hanno infornato in tutta la giornata ben 150 chili di pane. Sono state stappate ben 250 bottiglie di vino per la degustazione.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata