Domenica 10 Agosto 2014

La sorella del giovane omicida

«Non siamo riusciti a curarlo»

CARUGO - OMICIDIO IN VIA PER GATTEDO 31
(Foto by Stefano Bartesaghi)

Carugo

«Abbiamo provato a curarlo. Ma non ci siamo riusciti». Tra le lacrime, c’è solo il disperato e inguaribile sconforto di Gessica, sorella e figlia.

È lei, all’indomani della tragedia, a mostrare sulla soglia di casa il volto del dolore della famiglia Suriano, tre sorelle, due fratelli. Uno di questi, Marcello, in stato di fermo per aver ucciso mamma Mariangela. Picchiata, strangolata, soffocata. Un orrore impensabile per qualsiasi famiglia. Anche per i Suriano. Descritti da tutti, in paese, come gente perbene. Lavoratori. A partire dal papà muratore.

Marcello Suriano ha confessato agli inquirenti l’omicidio, avvenuto a causa di un raptus di follia dopo un rimprovero della madre per questioni domestiche. Il giovane si trova al carcere del Bassone e per lui la Procura ha chiesto una perizia psichiatrica. Al pm che lo ha interrogato è apparso molto confuso

© riproduzione riservata