Lunedì 08 Dicembre 2008

La direttrice del commercio
Arriva il chilometro dei supermercati

Il chilometro dei supermercati. Tra qualche anno Como rischia di vedere oltre 18mila metri quadrati di nuova superficie commerciale, tutti disposti sulla stessa direttrice viaria che da Camerlata arriva in convalle. A conti fatti, sommando le superfici di vendita previste nel complesso ex Trevitex, nell’area del vecchio Sant’Anna (stando alla prima proposta di Infrastrutture Lombarde del 2006, che subirà però modifiche con il cambio delle quote e il via libera alla cittadella sanitaria) e nel complesso dell’ex Ticosa, su una direttrice di poco più di un chilometro, si arriva a quasi 18.300 metri quadrati. Più della somma delle maggiori strutture commerciali della città. Infatti, la superficie dell’Esselunga di via Carloni, sommata alla Coin di via Boldoni, al centro commerciale Bennet di Tavernola e al Roll (situato sempre a Tavernola), misura circa 17.500 metri quadrati. Viene spontaneo domandarsi quale sarà l’impatto in termini viabilistici e di traffico sulla principale arteria di accesso alla città, formata da via Paoli e via Napoleona, quando i nuovi negozi saranno tutti attivi. Non bisogna poi dimenticare che l’ex ospedale ospiterà una serie di servizi alla persona che saranno un ulteriore attrattiva di flussi di persone e automobili.

Nell’ex Trevitex di via Paoli, dove si è insediato il supermercato Esselunga, al momento sono attive due medie superfici di vendita che nel complesso misurano circa 2.400 metri quadrati. Ma Esselunga ha avuto l’autorizzazione per aprire fino a 3mila metri quadrati. A questi se ne potrebbero aggiungere altri 1.800 qualora fosse aperto l’intero centro commerciale che, però, è stato bloccato da un parere negativo della conferenza dei servizi svoltasi in regione Lombardia. Esselunga ha fatto appello al Consiglio di Stato. Se lo vincesse in via Paoli aprirebbe un centro commerciale di circa 4.800 metri quadrati.

© riproduzione riservata