«Mi ha detto “i negri tornino a casa”  Io ho reagito e gli ho dato un pugno»
San Fermo della Battaglia il Pronto Soccorso dell'Ospedale Sant'Anna (Foto by Andrea Butti)

«Mi ha detto “i negri tornino a casa”

Io ho reagito e gli ho dato un pugno»

Parla l’operaio di origine senegalese che ha colpito un collega nell’azienda di Montorfano in cui lavorano

«Ho reagito a una provocazione razzista». Lo sostiene l’operaio – 46 anni e origine senegalese – coinvolto nel pestaggio di lunedì mattina nell’azienda Selva di Montorfano. Il collega – 49 anni, di Olgiate – lo accusa di averlo preso a pugni e calci sulla testa, tanto da essere finito in ospedale con una frattura della calotta cranica, naso rotto e diversi ematomi.

«Mi provocava da tempo» dice l’operaio senegalese. «Lunedì mi ha detto “Quei negri devono tornare tutti al loro Paese, invece di venire qua a portare via il lavoro agli italiani”. Sentendo che stava dando della poco di buono a mia madre gli ho risposto, lui mi ha tirato un pugno in faccia, al che mi sono girato e l’ho colpito a mia volta».

La ricostruzione della vicenda sul giornale in edicola sabato


© RIPRODUZIONE RISERVATA