Mercoledì 12 Giugno 2013

Regina, emergenza finita

La superstrada 36 riapre

Torna regolare il traffico lungo la Regina

LENNO Riapre una delle canne della galleria Monte Piazzo sulla superstrada 36 Lecco-Colico e si attenua la pressione del traffico sulla Regina, in un momento cruciale dell’anno contraddistinto, dopo tanto brutto tempo, dall’auspicato arrivo del caldo e dell’apertura della fase centrale della stagione turistica.

Un appuntamento che coincide con il solstizio d’estate e con la Sagra di San Giovanni all’Isola Comacina, sabato 22 e domenica 23 giugno.

Determinante nel lungo periodo di chiusura del tunnel sulla sponda orientale del lago - con deviazione del traffico per la Valtellina in larga parte sulla ex statale 36 che corre a lago tra Bellano e Dervio e per una quota non indifferente sulla Regina -, è stato l’apporto dei due movieri collocati in via continuativa dall’Anas.

«Due uomini ai quali va tutta la riconoscenza per l’impegno profuso - dice il sindaco di Lenno Mario Pozzi, nel ruolo di assessore alla viabilità dell’unione comuni della Tremezzina - Sono stati più efficienti di un semaforo con sensori volumetrici. Dotati di radio ricetrasmittenti, si sono comportati egregiamente, in molte occasioni hanno operato sotto la pioggia battente, non si sono mai sottratti all’impegno quotidiano, anche la domenica. L’idea di collocare dei movieri, propugnata dall’unione dei comuni, riconosciuta validissima dal comandante della polizia locale Massimo Castelli si è rivelata vincente e mi sento di proporre all’Anas il mantenimento dei due uomini per le settimane di fine giugno, luglio e agosto quanto il traffico turistico raggiunge l’apice e sulla Regina circolano molti pullman».

La proposta di Pozzi trova riscontro in un particolare non molto conosciuto, in merito al quale viene lanciato un appello all’Anas, al prefetto, ai consiglieri regionali oltre che all’assessore alle infrastrutture Maurizio Del Tenno che in visita a Como si era interessato della Regina.

Nei giorni dell’emergenza la Regione si era impegnata a contribuire alla copertura della spesa di 12 movieri da collocare nelle strettoie di Colonno, Sala, Ossuccio per un’entità di 23 mila euro.

Al posto di 12 uomini ne sono stati impiegati due quindi con il risparmio accantonato potrebbe essere costituito un fondo al quale attingere per ulteriori prestazioni nel prossimo futuro con parsimoniosa gestione da affidare alla polizia locale della Tremezzina, garante del corretto impiego del denaro pubblico.

© riproduzione riservata