Sant’Anna, Cardiologia

sotto inchiesta

«Malati esposti a pericoli»

Tre ispettori esterni bocciano il reparto: «Caos e ritardi espongono i malati a pericoli»

Sant’Anna, Cardiologia sotto inchiesta «Malati esposti a pericoli»
San Fermo della Battaglia Ospedale Sant'Anna insegna, facciata
(Foto di Andrea Butti)

C’è la storia di un paziente che, dopo un ricovero per problemi al cuore, ha atteso invano oltre un mese per una angioplastica urgente; alla fine è stato portato di corsa in Pronto soccorso dopo che le sue condizioni erano peggiorate di colpo. Ci sono poi decine di cartelle cliniche che presentano «dimenticanze, omissioni e trasgressioni». Ma, soprattutto, c’è - nero su bianco - la preoccupazione «per la sicurezza dei pazienti».

La Cardiologia dell’ospedale Sant’Anna finisce sotto inchiesta. A richiedere un’indagine ispettiva è stata la stessa direzione dell’ospedale, preoccupata per la gestione del reparto, diretto dal dottor Carlo Campana, e per le numerose segnalazioni di criticità provenienti anche dai pazienti. Quel che emerge dalla relazione dei tre ispettori è un quadro preoccupante.

Tutti i particolari sul giornale in edicola domenica

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}