Domenica 03 Maggio 2009

Via Ferrari, con Bruni sindaco
quintuplicate le immobiliari

In via Ferrari le immobiliari, o le società comunque legate al mattone, sono quintuplicate da quando Stefano Bruni è sindaco di Como. Il dato emerge mettendo a confronto il numero di imprese con sede in via Ferrari iscritte alla camera di commercio al maggio 2002, data della prima elezione a sindaco dell’ex presidente di Acsm, con quello delle società la cui iscrizione è arrivata successivamente. Dopo le prime elezioni stravinte già al primo turno da Bruni, il numero complessivo delle società con sede al civico 14 di via Ferrari è più che raddoppiato, mentre le immobiliari o le imprese edili sono aumentate del 500%. In termini assoluti: le società (incluse quelle cessate) specializzate nella costruzione, nella compravendita o nella locazione di immobili sono passate dalle quattro del pre-maggio 2002 alle ventisei attuali (cinque delle quali dopo la conferma delle amministrative di due anni fa), mentre le società (in generale) da ventuno a cinquantacinque. Decisamente diversa anche la percentuale delle immobiliari rispetto al numero delle imprese che risultano domiciliate in via Ferrari: erano il 19% prima che la carriera da amministratore comunale del sindaco avesse inizio, sono cresciute al 49% da quando l’esponente di Forza Italia è primo cittadino.

p.moretti

© riproduzione riservata