Lunedì 19 Settembre 2011

MARTEDÌ 20 SETTEMBRE (SOPHIA LOREN DAY)

La settimana InCom - Martedì 20 e mercoledì 21 settembre

Buongiorno,
datemi del prude puritano, ma io appartengo a quella schiera che sostiene che sia indecente e immorale lo spettacolo indegno reso da un uomo adulto che si circonda di ragazzine sguaiate e poco vestite, giovinette che gli sgambettano allegramente attorno cercando di mettersi in mostra per ottenere un po' di celebrità, soprattutto se l'adulto in questione è una persona in vista, di spicco, di una certa importanza, pagato con i soldi dei contribuenti. Poi sui giornali e nei bars se ne discute e ciascuno dice la sua, si vuole arrestare lo scempio, ma, invece, nonostante tutto, Miss Italia prosegue imperterrita e nessuno la ferma.
Quella nuova non ha piercing né tatuaggi, come impone il regolamento, così come non ha nulla di rifatto, manco i denti: in compenso assomma almeno dodici differenti difetti di pronunzia. Già tempestivamente silurato dall'ultimo Sanremo, ecco ritornare il "dopo festival" dove si chiede a una che ha appena provato cosa ha provato e si ripercorrono attimi salienti di un programma avvenuto un quarto d'ora prima. Bellissimi i proclami di apertura alle grassone addirittura taglia 44, ovvero quella di una mia coscia a scelta.

Un inno (acconcio) alla bellezza vera, a cominciare dall'interprete:
http://www.youtube.com/watch%3Fv%3Db0_5UwhfL5c

- TEATRO SOCIALE JUNIOR - Teatro Sociale, piazza Verdi 1, ore 17.30, ingresso libero.
Presentazione della stagione teatrale dedicata alle scuole. Il Teatro Sociale invita tutti gli insegnanti delle scuole dell'infanzia, scuole primarie e secondarie nonché la cittadinanza tutta, specie se fanciulla.
http://www.teatrosocialecomo.it/news/LIBRETTO%20STAGIONE%20GIORNO_invito.pdf

- PROLOGO DEL CINEFORUM - Astra, viale Giulio Cesare 3, ore 15.30 e ore 21 (anche domani, solo alle 15.30), biglietti a 5 sacchi
The conspirator (USA, 2010, 123 minuti) di Robert Redford con Robin Wright, James McAvoy, Kevin Kline e Evan Rachel Wood.
Il film racconta la storia di Mary Surratt, l'unica donna ad essere accusata di cospirazione nell'assassinio di Abramo Lincoln e per questo divenuta la prima donna ad essere condannata all'impiccagione dal Governo federale degli Stati Uniti d'America. Dopo l'assassinio di Abramo Lincoln, un gruppo di sette uomini e una donna viene arrestato con l'accusa di aver cospirato per uccidere il Presidente, il Vice presidente e Segretario di Stato. L'unica donna accusata è la quarantaduenne Mary Surratt, proprietaria di una casa dove John Wilkes Booth e gli altri pianificarono l'assassinio. Il ventottenne Fredrick Aiken, valoroso soldato nella Guerra Civile diventato avvocato, viene incaricato controvoglia di difendere Mary di fronte ad un tribunale militare. Durante il processo Aiken si convince sempre più dell'innocenza della sua cliente, usata come capro espiatorio al fine di catturare l'unico cospiratore scampato all'arresto, suo figlio John. Nonostante l' impegno dell' avvocato, la donna viene comunque giustiziata per spinta del neo presidente eletto, e senza essere giudicata regolarmente da un tribunale composto anche da persone del popolo (un anno dopo passò la legge secondo la quale, anche in periodo bellico, per essere giudicati in casi gravi era d'obbligo la formazione di un organo giudicante composto anche da giuria popolare). Deluso e frustrato, Aiken si da all'editoria, diventando capo editore del neo-nato Washington Post. Il figlio della donna, John (nel frattempo catturato), viene invece assolto per mancanza di prove, anche se su di lui peserà sempre l'aver "causato" indirettamente la morte della madre (che poteva probabilmente evitare consegnandosi e testimoniando in suo favore).
NdA: alla faccia dell'intrigo politico: bella la parte in cui uno, se non sa che cosa fare, deluso dalla vita e da tutto, pur di non dover lavorare fonda un giornale...

- CINEMA DI QUALITÀ - Lux, via Manzoni 8, Cantù, ore 21.15 (anche domani, stessa ora), biglietti a 5 sacchi
The tree of life (USA, 2011, 139 minuti) di Terrence Malick con Brad Pitt, Sean Penn, Jessica Chastain e Hunter McCracken.
Il film parla dell'evoluzione di Jack O'Brien, un ragazzo del Midwest, e dei suoi fratelli. Il padre dà ai figli un'educazione severa per insegnar loro ad avere successo nella vita. La madre, invece, fa conoscere loro il valore dell'amore e dei sentimenti. Nella mente di Jack i due genitori simboleggiano la Natura (la forza talvolta brutale del padre) e la Grazia (la purezza dell'amore della madre). Gli O'Brien sono una famiglia texana di ceto medio e rigorosamente cattolica degli anni Cinquanta. Il padre di Jack pretende da lui cose che solo gli adulti dovrebbero fare. Egli litiga spesso con il figlio e con la moglie, accusandola di essere una madre poco severa. Jack dopo un po' di tempo rinnega l'esistenza di Dio, desidera la morte del padre e inizia un percorso interiore confuso. La morte del fratello alla prematura età di diciannove anni non fa altro che aumentare il suo stato di angoscia e incertezza. Da adulto Jack è un'anima persa nel mondo moderno. Egli è spinto a capire il senso della vita e così vaga per il mondo in cerca di risposte.
NdA: ...salutatemi tanto caramente il brontosauro...

(*Miss Eleganza 1950)

© riproduzione riservata

Tags