Domenica 15 Gennaio 2012

LUNEDÌ 16 GENNAIO (KABIR BEDI DAY)

www.lasettimanain.com

LUNEDÌ 16 GENNAIO (KABIR BEDI DAY)

Buongiorno,
voi non lo sapete, ma per me ieri era capodanno, quello vero. L'anno per me non inizia il primo gennaio, bensì quando escono i nomi di Sanremo perché a quel punto faccio davvero i conti con il passato e mi rendo conto che è ripartito tutto. Però devo confessare che la prospettiva del "triello" Loredana Berté, Giggi D'Alessio & Nina Hagen mi rende tutto più simpatico. Musica musica... Hey, a proposito di musica: è finalmente arrivato il momento della

SPUDORATA AUTOPROMOZIONE

Domani sera voi sarete al Teatro Sociale di Como, ore 21, prezzi modici (10 sacchi) per Siamo nei premi, ovvero lo spettacolo di arte varia di Luca Ghielmetti e Alessio Brunialti che non ha preso la bruttissima abitudine di parlare di sé in terza persona, ma ha capito che le cose van dette in chiaro. Ditelo anche a quei coloro che, inopinatamente, non sono iscritti alla InCom, non leggono i giornali, non seguono gli eventi su Facebook (e in questa categoria mi infilo anch'io). Insomma... BIRBA CHI MANCA! A domani.

Il brano è un omaggio a Nanni Ricordi, a proposito di musica, che ieri ha raggiunto Franco (e Guido) Crepax nella grande casa discografica dell'infinito (e ci metterei anche Carlo Fruttero, visti i trascorsi a Urania): http://www.youtube.com/watch?v=LwoSJQD9Ww8

 
Immagine INCONTRO CON MOGOL

Conservatorio Giuseppe Verdi, via Cadorna 4, ore 15.30, ingresso libero
Presentazione del Progetto sperimentale per la maturazione artistica di giovani talenti in ambito espressivo musicale, promosso dalla Regione Lombardia (D.G. Sport e Giovani), in collaborazione con il Cet diretto da Mogol e i quattro Conservatori lombardi di Milano, Brescia, Como e Mantova. L'incontro, cui presenzierà lo stesso Mogol, è aperto a tutti gli interessati del Conservatorio, oltre agli studenti che hanno fatto domanda di ammissione al Progetto. In particolare, sarà data possibilità a ulteriori potenziali interessati di valutare la presentazione di una nuova candidatura, secondo quanto indicato sul sito del Conservatorio.

NdA: ma quante volte gli sarà successo di parlare in pubblico, alla fine spazio per le domande e uno alza la mano e chiede, "Maestro, ma come può uno scoglio..."?
http://www.conservatoriocomo.it

Immagine SALOTTO LETTERARIO

Salone Enrico Musa dell¹Associazione Carducci, via Cavallotti 7, ore 17, ingresso libero
Il contributo di Appacuvi alla conoscenza degli artisti dei laghi e della Patria. Conferenza del professor Andrea Spiriti, studioso di storia dell'arte lombarda.

NdA: ...so che ve lo state chiedendo: Appacuvi stands for Associazione per la protezione del
patrimonio artistico e culturale della Valle Intelvi
http://www.associazionecarducci.it/

Immagine I LUNEDÌ DEL CINEMA

Spazio Gloria, via Varesina 72, ore 21, biglietti a 7 sacchi (soci Arci, studenti e over 65 a 6 sacchi)
Melancholia (Danimarca / Germania / Francia / Svezia 2011, 130 minuti) di Lars Von Trier con Kirsten Dunst, Charlotte Gainsbourg, Kiefer Sutherland, Alexander Skarsgård, Charlotte Rampling, John Hurt e Udo Kier
Il film è diviso in due parti e ruota attorno al rapporto conflittuale tra due sorelle, molto diverse tra loro, mentre la Terra è minacciata da una catastrofe, per l'imminente collisione con il pianeta Melancholia.
Prima parte: Justine
Justine è una ragazza all'apparenza allegra, fresca di matrimonio, che raggiunge in limousine una lussuosa villa nella quale si sta svolgendo il ricevimento. Con il passare del tempo tuttavia la ragazza dà segno di avere evidenti turbe psichiche e il matrimonio diventa per lei una tragedia: prima si isola in camera, poi tratta in malo modo il marito che cerca di starle vicino, lo tradisce facendo sesso con il suo nuovo collega di lavoro nel campo di golf adiacente alla villa ed infine si licenzia insultando il suo datore di lavoro. A fine serata, il marito decide di andarsene; Justine cerca conforto nei genitori (divorziati), ma sia sua madre (una donna incapace di provare sentimenti), che suo padre (un anziano latin lover) si dimostrano egoisti e menefreghisti nei suoi confronti; l'unica in grado di starle vicino è la sorella Claire, che la mattina successiva la accompagna per un giro a cavallo. Durante la cavalcata Justine guarda il cielo e si acco rge che una stella, Antares, è misteriosamente scomparsa.
Seconda parte: Claire
Claire, decide di ospitare la sorella Justine, ormai in forte crisi depressiva, nella villa in cui vive insieme al marito John e al figlioletto Leo. Nel frattempo la Terra viene minacciata da Melancholia, un pianeta dieci volte più grande, che dopo aver offuscato Antares si dirige a forte velocità verso il nostro pianeta. John, un appassionato di astronomia, rassicura la moglie che Melancholia passerà solo vicino alla Terra, senza colpirla. Tuttavia cominciano a verificarsi le prime anomalie: i cavalli si imbizzarriscono, ci sono strani eventi atmosferici (neve con temperature estive), il campo elettromagnetico terrestre dà segni di cedimento (non c'è più energia elettrica) e l'aria diviene rarefatta. John, resosi conto dell'inevitabilità dell'impatto, si suicida con delle pillole. A questo punto è Claire a soffrire di crisi depressive, e cerca conforto nella sorella Justine, che nel frattempo ha superato le sue. Ju stine e il nipotino Leo costruiscono con dei paletti di legno un rifugio immaginario aspettando la collisione imminente.
NdA: non so voi: io sono ancora traumatizzato da Antichrist (altro che dichiarazioni choc su Hitler, e ho detto tutto...) e maneggerei 'sta cosa con estrema cura, anche se il mio animo circolare non può che apprezzare che la Dunst, che è la versione femminile di Billy Corgan degli Smashing Pumpkins (vedi immagine) abbia realizzato Melancholia mentre lui aveva pubblicato Mellon Collie...

*lo portano via*

http://www.lunedicinema.com/scheda.asp?id=428
Immagine CINEFORUM

Astra, viale Giulio Cesare 3, ore 21, ingresso con tessera (anche domani, alle 15.30 e alle 21, e mercoledì alle 15.30)
Una separazione (Iran, 2011, 123 minuti) di Asghar Farhadi con Leila Hatami, Peyman Moaad e Shahab Hosseini
Nader e Simin sono sposati da quattordici anni e vivono a Teheran con la figlia undicenne Termeh. La famiglia appartiene alla alta borghesia e la coppia è sull'orlo della separazione. Simin vuole lasciare il paese con il marito e la figlia, ma Nader non è delle stessa opinione. Egli è preoccupato per il suo anziano padre che ha il morbo di Alzheimer. Quando Nader decide fermamente di rimanere in Iran, Simin chiede il divorzio. La domanda di Simin viene respinta dai giudici che ritengono i problemi della coppia non abbastanza gravi da giustificare il divorzio. Simin lascia così il marito e la figlia e torna a vivere con i suoi genitori. Nel frattempo, Nader assume Razieh, una giovane donna, incinta e profondamente religiosa proveniente da un quartiere povero, per prendersi cura del padre mentre lui lavora in una banca. Razieh ha fatto domanda per il lavoro senza consultare il suo irascibile marito Houjat, la cui approvazione, secondo la tra dizione, è necessaria... Il film ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui l'Orso d'oro alla 61a edizione del Festival di Berlino (è il primo film iraniano che lo vince). Il lungometraggio è stato inoltre selezionato ufficialmente per rappresentare l'Iran ai premi Oscar 2012.

NdA: ...the usual gioviale allegrezza del cinema iraniano...
http://www.cinecircolo.it

Immagine SALONE DEI CONVEGNI DI CANTÙ

Piazza Marconi, Cantù, ore 21, ingresso libero
Educare i giovani alla giustizia e alla pace, incontro con la partecipazione di Sergio Marelli,  segretario generale della Focsiv, e padre Giulio Albanese, missionario comboniano, fondatore dell'agenzia Misna e collaboratore di varie testate giornalistiche.

La Settimana InCom di Alessio Brunialti
Questa pagina e' disponibile dalle ore 12 di ogni giorno all'indirizzo: www.laprovinciadicomo.it
Per inviare segnalazioni scrivi a: alessio@lasettimanain.com

In collaborazione con: Eden Design, Solfo.
Logo Brunialti-deformed by: Lorena Carpani

Per non ricevere più questa Newsletter ed essere rimossi dalla Mailing List della Settimana InCom fare click qui ed inserire l'indirizzo email nella sezione 'Rimozione'.

© riproduzione riservata

Tags