Domenica 06 Luglio 2014

Peugeot 108 è glamour

La piccola francese piace

La nuova Peugeot 108

Glamour? Decisamente. Molto francese, anzi parigina. Peugeot interpreta così la sua city car 108, che si stacca dalle sorelle gemelle C1 e Toyota Aygo strizzando l’occhio alle signore chic che devono muoversi nel traffico ma senza rinunciare all’eleganza.

D’altra parte, la piccola di casa è un pezzo importante della gamma Peugeot, se pensate che dal 2005 nella penisola sono vendute ben 126mila Peugeot 107, che è come dire la generazione precedente. Stavolta, poi, il salto di qualità è evidente, dalla tecnologia alle finiture. E così la piccola francese – con un prezzo d’attacco sotto i diecimila euro – sfida anche concorrenti decisamente più blasonate.

Per la Casa del Leone è un buon momento sul mercato italiano, perché nei primi cinque mesi del 2014 il marchio registra addirittura un +18,9 per cento nel segmento delle autovetture per privati, merito in particolare di modelli azzeccati come la 2008 – richiestissima – e la nuova 308.

Saliamo a bordo

Vediamola da vicino. Accomodatosi sul sedile regolabile in altezza, il conducente accede ai vari comandi senza sforzo. Con una mano comanda gli equipaggiamenti raggruppati sulla consolle centrale: grande touchscreen da 7’’, pulsante di partenza abbinato al sistema di accesso-accensione senza chiave (keyless system), climatizzazione automatica.

Sulla versione Top, al guidatore basta alzare la mano per trovare sul cielo il comando elettrico del tetto in tela e scoprire un ampio spazio di 80 cm di larghezza e 76 di lunghezza. Inoltre, l’apertura è regolabile in varie posizioni: sopra i posti anteriori, sopra i 4 posti, ecc. Un deflettore aero-acustico si alza automaticamente all’apertura della capote per limitare la turbolenza d’aria nell’abitacolo.

A mani libere

Lo smartphone è ormai un accessorio usato in qualsiasi momento della giornata. Su 108 può essere usato in tutta sicurezza anche in auto, collegandolo in due modi: mediante Bluetooth per le funzionalità telefono e musica del dispositivo mobile, oppure tramite Mirror Screen per le applicazioni compatibili con l’utilizzo in vettura. In pratica, il touchscreen della 108 diventa lo “specchio” del telefono che viene connesso allo schermo. Infatti, il conducente può comandare il suo smartphone direttamente dal touchscreen: qualsiasi azione effettuata su quest’interfaccia agisce sullo smartphone.

La gamma si compone di tre motori 3 cilindri: 1.0 VTi 68 CV cambio manuale 5 rapporti, 95g/km di CO2, con un consumo 4,1 l/100 km; 1.0 VTi 68 CV ETG5, 97g/km di CO2, con un consumo 4,2 l/100 km; 1.2 PureTech 82 CV cambio manuale 5 rapporti, 99g/km di CO2, con un consumo 4,2 l/100 km

On the road

La 108 è facile da guidare, lo si comprende in pochi istanti. Pensata per la città, se la cava bene anche sulle strade più veloci. La sua leggerezza (a partire da 855 kg), il servosterzo elettrico e la qualità dei collegamenti al suolo contribuiscono a dare una sensazione di sicurezza.

Quanto costa

Vediamo i prezzi. Per la tre porte si parte da 9.950 euro, per la cinque porte da 10.450. Con 14.650 euro si porta a casa la versione con tetto apribile, allestimento Allure, motore 1.2. Tra le otto proposte di colori, due sono in esclusiva: Aikinite, un rame dorato, e Red Purple, un inedito violetto. Riservata solo alla berlina 3 porte, la vernice bicolore viene proposta in due versioni: Red Purple e Grigio Gallium o Bianco Lipizan e Aikinite. Inoltre il cliente può “creare” la propria 108 con sette temi di personalizzazione, che prevedono alcuni stickers esterni, coperture dei gusci dei retrovisori esterni, stickers interni, tappetini, cover della chiave.

Vittorio Colombo

© riproduzione riservata