Sabato 10 Luglio 2010

Tumori: chemio e radioterapia
meno efficaci nei fumatori

Fumo killer: ormai non ci sono più dubbi sule sue responsabilità nei casi di tumore ai polmoni o al cavo orale. Ma i danni vanno anche oltre: come spiega l'esperienza maturata dal Gruppo per la prevenzione dei danni da fumo dell'Istituto Nazionale Tumori (Int) di Milano, dove è attivo uno specifico ambulatorio, il fumo ostacola anche le cure contro la neoplasia.
"Occupandoci di cancro - spiegano gli esperti dell'Int - abbiamo letto decine di studi che hanno confrontato l'andamento della malattia di pazienti che avevano continuato a fumare nonostante la diagnosi di tumore con quelli che avevano smesso. E i dati sono gravemente penalizzanti per i fumatori affetti da tumore polmonare o della testa-collo, ma anche nel caso del tumore della vescica, renale, della prostata e della cervice, dei linfomi Hodgkin e non-Hodgkin, e delle pazienti fumatrici con tumore mammario". Il "vizio" infatti ha conseguenze anche sull'intervento chirurgico: l'essere fumatori può aumentare le complicanze respiratorie, c'è il rischio maggiore che le ferite s'infettino e la guarigione è più lenta. 
Ma ciò che è peggio è che il fumoriduce gli effetti anticancro della chemioterapia. "Il tabacco sembra inibire il potenziale del cisplatino nel determinare la morte delle cellule tumorali, mentre alcune nuove sostanze anti-cancro riescono a dare una risposta eccellente solo nelle persone che non hanno mai fumato. Ancora, il fumo esacerba alcuni importanti effetti collaterali della chemioterapia e richiede ancora più attenzione alla cura del cavo orale".
E anche la radioterapia trova un nemico nelle sigarette: infatti, "le cellule poco ossigenate sono meno sensibili alle radiazioni - concludono gli esperti - e il monossido di carbonio introdotto nell'organismo con le sigarette va proprio a diminuire l'ossigenazione dei tessuti e quindi l'efficacia terapeutica delle radiazioni".

u.montin

© riproduzione riservata

Tags