Domenica 10 Aprile 2011

Lo sprint di Trinchieri:
"Due mosse indovinate"

Si parte, ovviamente dalla coda. «Sulla nostra ultima azione offensiva siamo andati a cercare il giocatore che in una situazione analoga ci aveva fatto vincere una partita simile, con lo stesso tipo di tiro. Bravo lui, certo, ma bravi anche i compagni che hanno mostrato maturità nel volerlo cercare con tanta insistenza. Dopodiché, posso dire di ritenere eccellente anche la successiva nostra azione difensiva. Premetto che mi aspettavo fosse Roberson a prendersi l'ultima conclusione e sapevo che avrebbe tirato da tre per vincere e non invece per cercare solo il pareggio. Così, non l'ho fatto seguire dal suo marcatore naturale ma gli ho contrapposto Leunen, vale a dire un giocatore molto più grande e grosso di lui ma pure dotato di una spiccata mobilità che fosse in grado di contestargli più efficacemente il tiro. In effetti, Roberson è riuscito a prendersi solo una brutta conclusione. Bene così».

n.nenci

© riproduzione riservata

Tags