Venerdì 27 Gennaio 2012

Comense e Priolo,
un violento litigio

Il recupero della partita fra Comense e Priolo, rinviata domenica scorsa su richiesta delle siracusane impossibilite a partire dalla Sicilia per gli scioperi in corso, ha scatenato una lite fra le due società. E ieri la situazione è precipitata. La Trogylos Priolo infatti «a seguito di un increscioso episodio di minaccia nei confronti del dirigente responsabile Fabrizio Milani - così dice il comunicato - ha deciso di non disputare il recupero della gara e di deferire alla Procura Federale sia la Comense per responsabilità oggettiva che il suo dirigente» autore della presunta minaccia.
Ma cosa è successo? Priolo aveva ricevuto il consenso per rinviare l'incontro. Per inciso si scoprirà poi che Alcamo effettua regolarmente la trasferta a Faenza così come il Catania Calcio a Udine. La Fip regionale della Sicilia sospende tutte le gare. I problemi però sorgono sulla data del recupero. Di norma le società si accordano, previa disponibilità dell'impianto di gioco cioè il Palasampietro. La Comense propone il 2 e 8 febbraio e in un secondo tempo solo il 2. Priolo non ci sta perché ritiene che il 2 sia troppo vicino alla partita del 5 a Lucca. Alla fine la Fip decide per l'8: gara calendariata e arbitri già designati. Una questione di lana caprina, non fosse che ieri è scoppiata una "guerra" fra i due club.

n.nenci

© riproduzione riservata

Tags