Sabato 14 Luglio 2012

Marathon Trail
Il Corto a Giovio

COMO - Oscar Giovio, Roberta Orsenigo e Mario Barlascini. Questi i primi vincitori della seconda edizione della Marathon Trail lago di Como. La gara, organizzata dalla Molinari Triathlon Team Como è una delle più spettacolari del panorama delle lunghe distanze, su un percorso montano. 106 i km. del classico, con la partenza avvenuta sabato mattina alle 9.30 dal monumento ai Caduti a Como e i primi arrivi in nottata a Menaggio.
"Solo" 31 i km. del Supercorto, scattato attorno a mezzogiorno di sabato da Argegno e andato in chiusura nel pomeriggio, almeno per i primi. Al traguardo posto a Menaggio, dopo i 1.900 m. di dislivello e le ascese a La Zerla (1.172 m.), alle Bocchette di Colonno (1.324 m.) e alla Cima Tremezzo (1.700 m.) si è presentato da solo Oscar Giovio.
Il "cuoco volante" (l'atleta di Griante è così soprannominato per la passione per la corsa e per la sua attività tra i fornelli) ha letteralmente distrutto la concorrenza, lasciando il secondo, Michele Bianchi (quarto nel 2011 nel lungo) di Mezzegra ad oltre mezz'ora. Il camoscio di Griante (39 anni) ha anche demolito (abbassandolo di 25 minuti) il record della corsa, stabilito l'anno scorso, da un esperto come Davide Chicco.
«Mi sono preparato bene per questa prova - ha confessato Giovio, che difende i colori dell'Atletica Centro Lario -. Mi spiace per l'assenza di Chicco, che l'anno scorso mi aveva preceduto: gli avrei dato del filo da torcere».
Il tutto nonostante le non perfette condizioni climatiche. «La temperatura e il tempo erano ideali per la gara - ha spiegato -. L'unico problema è stata la nebbia che ho trovato dal Venini salendo verso la croce di Tremezzo e poi nel primo pezzo di discesa. Però il percorso era segnalato in maniera perfetta e per questo devo complimentarmi con gli organizzatori».
Un impegno sottolineato anche da patron Matteo Molinari: «Per evitare problemi ho sguinzagliato venti volontari in movimento e duecento dislocati sul tracciato, per assistere gli atleti, in particolare nel tratto in notturna». Tornando alla classifica del Supercorto, terzo Diego Gil che ha bruciato in volata Andrea Bernasconi (per entrambi 4h05'37"). Quinto Andrea Bonanomi in 4h06'06". Anche nel femminile è stato stracciato il record. La comasca Roberta Orsenigo (classe 66, esperta nelle ultra maratone) si è imposta in 4h30'33" limando di nove minuti il tempo di Maria Ilaria Fossati del 2011. Seconda Sara De Maria di San Siro (4h55'03") e terza Maria Teresa Rigamonti (5h19'27").
Record anche nella prova riservata alle coppie composte da un atleta e un cane. Qui ha fatto il bis Mario Barlascini che, con 4h10'19" ha cancellato il 4'23'09" che aveva fatto registrare nella prima edizione.
Più impegnativo il percorso lungo con le tre tappe:  la prima da Como a Campione d'Italia (41 km. e 2.400 m. di dislivello) passando per il Bisbino (1.325 m.) e il Generoso (1.700 m.); la seconda da Campione ad Argegno (30 km. e 1.600 m. di dislivello) con l'ascesa della Sighignola (1.320 m.) e la terza che ripercorre il tracciato del Supercorto

g.valentini

© riproduzione riservata

Tags