Acqua Vitasnella all’occhio  È una Varese che fa paura
Brady Heslip nel match d’andata disputato a Masnago e vinto da Varese (Foto by foto diemme)

Acqua Vitasnella all’occhio

È una Varese che fa paura

Finalmente Cantù riesce ad allenarsi al gran completo, ma intanto i prossimi rivali nel derby conquistano la finale di Fiba Europe Cup.

Due giorni di fila con l’intera truppa a disposizione per gli allenamenti è accadimento piuttosto insolito per Sergej Bazarevich da quando è alla guida tecnica della Pallacanestro Cantù.

Il coach russo, infatti, non è praticamente quasi mai riuscito ad avere intere settimane durante le quali svolgere in modo compiuto il proprio lavoro. Acciacchi, infortuni, influenze, virus intestinali e chi più ne ha più ne metta, hanno infatti condizionato la preparazione delle partite.

Fatto sta che sia ieri sia il giorno precedente, tutti gli effettivi hanno presenziato agli allenamenti. Con l’aggiunta di Marco Laganà che ieri ha svolto un’ora abbondante di seduta al pari dei compagni.

Purtroppo, e non solo per lui..., la stagione canturina è ormai agli sgoccioli mancando soltanto l’ultimo tornata di campionato. Che per fortuna, nonostante i biancoblù non si possano più battere per qualcosa di tangibile, non sarà comunque una giornata qualsiasi poiché in dote porterà mercoledì prossimo alle 20.30 al Pianella il derby con Varese.

Quella Varese che ieri in Francia ha conquistato la finale della Fiba Europe Cup. Nel primo atto della final four in programma a Chalon-sur-saone, la Openjobmetis ha infatti superato in semifinale proprio i padroni di casa dell’Elan per 91-82.


© RIPRODUZIONE RISERVATA