Arnaboldi, un crollo inaspettato
Perde (e male) contro un argentino

Niente da fare a Roma per il tennista canturino contro il carneade Heras

Arnaboldi, un crollo inaspettato Perde (e male) contro un argentino
Andrea Arnaboldi

Quattrocento posizioni di differenza, eppure l’argentino Patricio Heras, arrivato dalle qualificazioni, è riuscito a battere in un’ora e 11 minuti il canturino Andrea Arnaboldi al Challenger “Bfd Energy” di Roma Due Ponti.

L’ha fatto con un punteggio che parla da solo: 6-1 6-3. Al secondo turno, il tennista mancino (218 nel ranking), è crollato contro il sudamericano, attuale numero 609 al mondo, che sta vivendo con tutta evidenza un momento di grande forma: dopo aver superato le qualificazioni ha infatti eliminato al primo turno Lorenzo Giustino (258 Atp).

Ma anche Arnaboldi – iscritto al tabellone principale con una wild card - era dato in grande condizione, dopo aver eliminato lunedì Stefano Travaglia, testa di serie numero 9, al termine di una battaglia lunga quasi tre ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True