Bazarevich: «Cantù, frustrante
avere tutti questi alti e bassi»

Il coach dell’Acqua Vitasnella analizza i temi della bruciante sconfitta a Cremona dopo due supplementari

Bazarevich: «Cantù, frustrante avere tutti questi alti e bassi»
Sergej Bazarevich
(Foto di Butti / Pozzoni)

«È frustrante avere questi alti e bassi durante una partita. Da qualche tempo abbiamo iniziato a conoscerci e a giocare meglio di squadra trovando le giuste gerarchie, ma abbiamo perso due partite nel finale. Forse c’è anche un po’ di sfortuna, però è chiaro che incide molto la mancanza di continuità e il fatto di avere dei parziali negativi. Abbiamo sbagliato dei tiri importanti e preso cattive decisioni in momenti cruciali. Gli errori ai liberi hanno ovviamente pesato parecchio».

Così Sergey Bazarevich, il coach dell’Acqua Vitasnella commenta la bruciante sconfitta patita dalla sua squadra a Cremona dopo due tempi supplementari.

«Abbiamo lottato anche quando eravamo sotto nel punteggio - fa presente l’allenatore -. Nel secondo periodo abbiamo perso fiducia in noi stessi e abbiamo subito un break molto ampio con Cremona che ha realizzato delle triple difficili. Noi abbiamo cambiato tardi e abbiamo iniziato tardi ad allenarci insieme, mentre la Vanoli ha costruito la sua chimica dall’inizio dell’anno. Ciò nonostante all’intervallo abbiamo fatto i giusti accorgimenti e siamo riusciti a recuperare. Avremmo potuto vincere sia nei tempi regolamentarsi sia nel primo overtime, mentre invece le uscite per falli di Johnson e Hodge hanno ovviamente complicato il secondo supplementare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True