Cantù, Allievi agli sponsor
«Serie A? La speranza c’è»

L’evento “Una squadra di partner”, un richiamo a Villa del Grumello. Il presidente: «Non abbiamo ancora perso la possibilità di rimanerci»

Cantù, Allievi agli sponsor «Serie A? La speranza c’è»
Roberto Allievi (in piedi) e Andrea Mauri

«Il modello del palazzetto o dello stadio che apre solo per le partite è superato e non funziona più: la nostra “mission” è costruire sistemi che sviluppano le comunità locali». Sarà certamente un’arena, quella che si costruirà in Corso Europa a Cantù, ma sarà – dovrà per forza esserlo – un catalizzatore di interessi, sponsor ed eventi». L’ha spiegato a Villa del Grumello a Como il project manager italiano di Asm Global, Giuseppe “Joe” Rizzello, partner di primo piano per quella che sarà la gestione della nuova arena canturina.

L’intervento ha chiuso “Una squadra di partner”, evento di fine stagione in cui Pallacanestro Cantù ha incontrato gli sponsor per svelare i piani futuri e le strategie di avvicinamento alla grande opera che – c’è una data precisa – dal 19 ottobre comincerà a muovere i primi passi.

«Il palazzetto – ha detto Rizzello – non sarà solo la “casa” del basket, sarà molto altro. Chi lavorerà con noi, tutti i partner, avranno anche un interesse a sostenere, squadra, società ed entreranno nella nostra piattaforma di eventi. Inoltre – ha detto Rizzello – è previsto anche il coinvolgimento delle realtà sociali del territorio. Contiamo anche di stringere una collaborazione con qualche college americano, per camp e summer league».

Asm Global – va ricordato – è un partner americano che gestisce - direttamente o indirettamente – 327 impianti nel mondo, fra stadi e arene. E cerca, ovviamente, di farli rendere dal punto di vista economico, grazie anche al coinvolgimento degli sponsor, locali e non.

La platea, evidentemente interessata al discorso per certi versi rivoluzionario di Rizzello, ha poi potuto apprendere dalla voce di Andrea Mauri, amministratore delegato di Pallacanestro Cantù e Cantù Next, alcuni numeri sulla “fan base” del mondo del basket: «In due anni segnati dalla pandemia, siamo orgogliosi di aver portato avanti i nostri progetti e di essere in linea con le aspettative. Siete – ha detto rivolgendosi agli sponsor – una squadra di 80 partner, Cantù Next ha già 18 soci e altri ne entreranno. Dai dati, emerge che il 53% dei tifosi si riconosce anche negli sponsor legati alla squadra».

«Vogliamo diventare un modello societario – ha detto Roberto Allievi, presidente di Pallacanestro Cantù -, convinti che il nostro piano industriale possa consentire negli anni di avere a disposizione un budget per costruire squadre sempre più competitive e divertenti. Vi chiedo però scusa per i risultati sportivi di quest’anno, ma non abbiamo ancora perso del tutto la speranza di essere ancora in serie A».

Anche Sergio Paparelli, presidente di Cantù Next e vicepresidente della Pallacanestro Cantù, ha sottolineato l’importanza che avrà la nuova arena: «È da troppo che manchiamo da Cantù, contiamo di avere a disposizione il nuovo palazzetto dalla stagione 2023/24».

L.Spo.-Luca Pinotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True