Cantù da oggi a Chiavenna
Ma lavorerà a porte chiuse

Programma dettagliato, ma ovviamente legato ai protocolli post emergenza

Cantù da oggi a Chiavenna Ma lavorerà a porte chiuse
Andrea Pecchia con il tecnico Cesare Pancotto
(Foto di Butti)

Sarà, per il quarto anno consecutivo, l’Hotel Aurora la struttura alberghiera di Chiavenna che ospiterà da oggi l’Acqua San Bernardo Cantù: un legame ormai solidissimo, in un albergo che da sempre ospita i ritiri di tante squadre, tra cui in passato anche il Como e il Lecco.

Il ritiro apre la “fase 2” della preparazione, in cui entrerà davvero in scena coach Pancotto. Se le prime due settimane di preparazione a Cantù sono state dedicate quasi esclusivamente a tamponi, test sierologici e, sul campo, al risveglio del tono muscolare – con qualche variante, come l’allenamento sul campo da beach volley -, a Chiavenna si entrerà un po’ più nel vivo e nel tecnico. I contatti sono permessi, lecito quindi attendersi qualche uno contro uno in più, le prime partitelle, oltre ovviamente alla spiegazione dei primi dettami tecnici.

La squadra lavorerà al PalaMaloggia a porte chiuse – prevista un’uscita alla cascata di Acquafraggia per la crioterapia -, esclusa per ora la possibilità di qualche amichevole. Ci saranno invece quattro allenamenti doppi lunedì, martedì, giovedì e venerdì e due singoli, mercoledì e sabato. E sabato 22, dopo pranzo, ci sarà il ritorno a Cantù: un giorno di pausa, poi tutti di nuovo al lavoro in palestra da lunedì 24.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}