Cantù, prima volta da favorita
Ma Roma si affida a Jefferson

Alle 17 al PalaBancoDesio la San Bernardo cerca il secondo successo di fila. L’ex giocatore biancoverde e Dyson i punti di forza della Virtus. Clark resta ancora in dubbio.

Cantù, prima volta da favorita Ma Roma si affida a Jefferson
La presenza di Wes Clark resta in dubbio per oggi a causa di una ferita all’occhio
(Foto di foto Butti)

Per la prima volta in questo campionato, la San Bernardo si presenta a una sfida nel ruolo di favorita.

Favorita, anche se è altrettanto onesto riconoscerlo, non in modo netto e marcato, ma pur sempre più accreditata dell’avversaria.

Per la verità, la classifica fotografa Cantù e Roma con gli stessi punti (i biancoverdi hanno però già osservato il turno di riposo e dunque viaggiano con una partita in meno nel cronoprogramma), ma basterebbe il fattore PalaBancoDesio a far pendere l’ago della bilancia dalla parte del team che ospita l’appuntamento e che punta alla seconda vittoria consecutiva. E che, in aggiunta, sembra presentare una maggior varietà di rotazioni pur non avendo un paio di personaggi quali quelli di Roma ai quali rivolgersi nel momento del bisogno. Il riferimento è all’accoppiata Dyson-Jefferson, vale a dire alla spina dorsale play-centro sulla quale la Virtus ha puntato quasi tutte le sue fiche in sede di mercato. Certo, con due così non puoi mai sentirti troppo tranquillo poiché gestirli non è affatto semplice, ma tendenzialmente sarebbe preferibile sempre averli dalla propria parte.

Dopo la rifinitura di stamani verrà sciolto il nodo legato all’impiego di Wes Clark. Le condizioni del playmaker verranno infatti rivalutate al termine della seduta: ieri, purtroppo, l’occhio destro era ancora alquanto gonfio a seguito del colpo rimediato giovedì durante l’allenamento pomeridiano e che gli è costato 4 punti di sutura alla palpebra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}