Comense, venticinque anni fa
a Cantù saliva sul tetto d’Europa

Il 23 marzo del 1985 è una data che resterà indelebile: è quella del successo in Coppa dei Campioni al Pianella

Comense, venticinque anni fa a Cantù saliva sul tetto d’Europa
La festa al Pianella a fine partita

Sono trascorsi 25 anni dalla Coppa dei Campioni che la Comense vinse al Pianella. Un trionfo memorabile che suggellò l’egemonia di uno squadrone entrato nella leggenda.

La Comense degli anni Novanta fu infatti la massima espressione del basket femminile (9 scudetti e 8 final four di Eurolega consecutivi), e quella formazione che il 23 marzo del 1995 davanti un pubblico mai visto prima alzò al cielo la sua seconda Coppa dei Campioni, è stata con tutta probabilità la squadra italiana più forte di ogni epoca.

Coach Corno poteva infatti schierare una corazzata, che ai mostri sacri presi da Vicenza, univa una fisicità impressionante (soprattutto se confrontata con il basket femminile attuale). Con in panchina l’estrosa Todeschini e la nazionale Arcangeli, la Comense aveva come piccole due mastini come Ballabio e Fullin. Nei ruoli di tre e quattro due fuoriclasse come Gordon e Pollini. Poi in area il gigante Mujanovic, Passaro e Paparazzo formavano un muro mostruoso (con Passaro in punta nella zona 3-2, o scalando Fullin play e Pollini ala piccola). Nel 1995 la Comense centrò così il Grande Slam: si laureò campione d’Italia, d’Europa e del mondo, vincendo nell’ordine Coppa Italia, Coppa dei Campioni, scudetto, Coppa Intercontinentale in Brasile (la Supercoppa Italiana non esisteva ancora). Pazzesco.

Il Pianella era stracolmo, arrivarono 5.000 spettatori in ciascuna delle due serate. Sebbene priva di Passaro (crociato rotto), la Sft Comense supera in semifinale Valenciennes (70-66) e in finale Valencia (64-57 con 23 punti di Mujanovic). Era la terza finale di fila contro le spagnole, dopo quella persa al supplementare in Spagna e la storica prima Coppa Campioni vinta in Polonia nel ’94.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}