La gioia del Pgc per Procida in Nba. «La realtà a volte va oltre i sogni»

Le parole di Munafò: «Ora per Gabriele inizia un percorso ancora più difficile e impegnativo. Questo punto di arrivo oggi diventa un punto di partenza»

La gioia del Pgc per Procida in Nba. «La realtà a volte va oltre i sogni»
Gabriele Procida con il presidente del Pgc Alessandro Saladanna

Non si è ancora spenta l’eco del grande passaggio di Gabriele Procida alla Nba. A confermarlo, le parole di Antonio Munafò, il creatore del miracolo Pgc, dove il ragazzo di Lipomo è cresciuto: «Sono molto felice per noi, per la Pallacanestro Cantù, per la famiglia Procida - ha detto - ma soprattutto il mio abbraccio è per Gabriele che merita questa grande soddisfazione perché, oltre ad essere un bravo ragazzo, è uno sportivo vero, che ha sempre profuso grande impegno, dedizione e determinazione fin da quando dodicenne in arrivo dal minibasket è entrato a far parte del Progetto Giovani Cantù».

Gabriele in Nba: "Procida, from Como Italy".

Un campione cresciuto e coccolato in casa. «Non nascondo che quando 15 anni fa abbiamo iniziato l’avventura Pgc - prosegue -, seppure in mezzo a mille difficoltà, ci siamo posti e poi raggiunto obiettivi molto ambiziosi. Finali nazionali, titoli italiani, giocatori in serie A e in Nazionale, ma nessuno di noi si azzardava a sognare la Nba per un nostro giocatore. Fortunatamente la realtà a volte va oltre i sogni».

C’è un aneddoto che dà bene l’idea del momento. «Vedere crescere Gabriele nel fisico, nella tecnica e nelle sue straordinarie doti atletiche è stato entusiasmante per tutti noi del Pgc e piano piano anche questo sogno ha iniziato a frullarci per la testa al punto che tre anni fa trovandoci davanti a una scelta drammatica : giocare la semifinale e finale scudetto Under 18 con Gabriele in campo e vincere sicuramente il titolo, visto che poi abbiamo perso ai supplementari, o lasciare che raggiungesse un camp Nba a Riga in Lettonia per intraprendere il cammino che lo ha portato oggi ad essere un giocatore della Nba, il Pgc e i suoi encomiabili compagni di quella favolosa squadra U18, hanno scelto il futuro di Gabriele e tutti insieme condividiamo la sua grande gioia».

«Inizia il percorso»

L’augurio e la spinta. «Ora per Gabriele inizia un percorso ancora più difficile e impegnativo - chiude Munafò - . Questo punto di arrivo oggi diventa un punto di partenza, ma sono certo che la sua grande passione unita alla grande determinazione che ha sempre dimostrato gli daranno la forza di raggiungere nuovi e più ambiziosi obiettivi. Il sogno continua. Forza Gabri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}