Pronti gli arbitri comaschi
«Rigidi sui protocolli»

Serie C maschile e B femminile alla ripresa: c’è la nostra squadra pronta a scendere in campo

Pronti gli arbitri comaschi «Rigidi sui protocolli»
Da sinistra Stefano Maccagni, Thea Morello e Giuliano Molteni

Anche per gli arbitri e gli ufficiali di campo del Gap Como “Mario Tosetti”, il gruppo appartenente al Comitato Provinciale della Fip, è iniziato il conto alla rovescia in vista dei tre campionati regionali di basket (C Gold e C Silver maschile e B femminile) che partiranno il 6 marzo.

Domenica mattina si è infatti tenuta una riunione online per introdurre finalmente questa mini stagione, ed entro oggi a mezzogiorno i circa 120 fischietti lombardi abilitati per coprire le 32 partite settimanali di questi tre campionati, dovranno comunicare al Crl la propria disponibilità o meno per tornare in campo.

«La scorsa settimana si sono incontrati a distanza gli arbitri di D maschile e C femminile, ma questi due tornei sono ancora in divenire – spiega il responsabile del Cia comasco, Giuliano Molteni -. Era quindi attesa la riunione degli arbitri di serie C anche per chiarire alcuni aspetti sanitari ancora in sospeso. Ci è stato inoltre chiesto di prepararci atleticamente da soli visto che non si possono svolgere i test. Siamo fermi esattamente da un anno, a parte qualche amichevole a settembre, e anche noi come i giocatori avremo bisogno di carburare. Per ottimizzare i costi non ci verranno date trasferte lunghe».

Il tema sanitario è basilare anche per le giacchette grigie. «L’ufficio gare ci ha chiesto di essere piuttosto rigidi sul rispetto dei protocolli sanitari, ancor più che sulle questioni tecniche».

«Poi ci è stato comunicato che il costo dei tamponi verrà rimborsato e che la federazione sta cercando di fare delle convenzioni con alcuni centri medici in ogni provincia. Uno degli argomenti che ha fatto più scalpore riguarda la quarantena fiduciaria che, nel caso di una positività dopo una partita, coinvolgerà tutti i soggetti presenti compresi gli arbitri e gli ufficiali di campo: e questa sarà la vera discriminante nel sciogliere le riserve».

Gli arbitri comaschi abilitati per questi tre campionati sono dieci: i già navigati Andrea Musmeci, Stefano Maccagni, Stefano Nespoli, Valerio Castoldi e Giuliano Molteni e i ben cinque neopromossi («un colpaccio per noi: puro ossigeno» sottolinea Molteni) Andrea Bernardi, Andrea Godino, Orazio Valerio Puglisi, Vincenzo Luppino e Sara Pelanconi.

Qualcuno potrebbe rinunciare? «Credo che almeno un paio si tireranno indietro per motivi di sicurezza o di lavoro».

Quanto agli ufficiali di campo «abbiamo quasi 30 unità e più del 60% si è dichiarato disponibile. Le squadre comasche impegnate però sono soltanto due, Cermenate in C Gold e Cantù in C Silver, e quindi qualche udc potrebbe essere richiesto per coprire altri campi. Ovviamente gli udc nazionali, circa una decina, proseguono con i loro campionati».

Anche il campionato degli arbitri è ormai pronto a ripartire

© RIPRODUZIONE RISERVATA