Bellondi al comando del basket  «Problema impianti, ci siamo»
Alberto Bellondi, milanese, abita a Mariano Comense

Bellondi al comando del basket

«Problema impianti, ci siamo»

Fip Lombardia- Il nuovo presidente è molto legato al Comasco

«Sono nato a Milano – spiega Alberto Bellondi - ma metà della mia vita l’ho passata a Mariano Comense dove abito. Per cui ormai mi sento più brianzolo che milanese». E’ un po’ comasco il nuovo presidente regionale della Fip. Con la vicepresidente nazionale Mara Invernizzi (anch’essa comasca d’adozione) e il nuovo consigliere regionale Guido Nava (di Cermenate), Bellondi completa quindi una prestigiosa catena di incarichi federali di marca comasca.

«Non potete lamentarvi… Se penso a Como però mi piange il cuore, perché è stata una città dove la pallacanestro era al vertice con la Comense, e ora non c’è nemmeno un palazzetto. Poi penso a Cantù e per fortuna, nonostante tutti i problemi, le cose stanno andando meglio del previsto, quanto meno in campo».

Primo vagito del nuovo Comitato Regionale questa sera. A dieci giorni dall’assemblea elettiva, si svolge oggi il primo Consiglio del direttivo lombardo. La prima mossa riguarda Bellondi che rimetterà la carica di responsabile dell’Ufficio Gare di Milano. «Al di là della compatibilità dei ruoli, non potrei occuparmi anche delle gare, che per la grande mole di lavoro richiedono un impegno a tempo pieno».

Fra i sei consiglieri verranno distribuite le cariche, e con tutta probabilità Nava avrà di nuovo la delega all’attività giovanile. «Lo ritengo uno dei massimi esponenti del ramo. Per quanto mi riguarda è ovvio affidargli questo incarico ma dovrà essere una decisione condivisa. Guido è una persona a cui sono legato da tempo e siamo in piena sintonia».

Il nuovo Crl entra in corsa. «Dobbiamo solo organizzarci affinché quanto già programmato ed ereditato venga portato a termine. A Pasqua ospiteremo il Trofeo delle Regioni e organizzarlo nel giro di due mesi è un impegno mica da ridere. L’altra idea del Consiglio precedente riguarda gli impianti, e al di là della voglia di creare un centro tecnico permanente, vorremmo metterci a disposizione degli enti comunali».

In Lombardia Trofeo delle Regioni, ma anche finali nazionali. «Il TdR dovrebbe svolgersi a Desio, Seregno, Varedo e Inverigo (novità quest’ultima, ndr.). In contemporanea faremo come previsto le finali U20 femminili. Ma anche U16 femminili: si è candidata Lecco, ma il Bione verrà chiuso per lavori ed è già disponibile Costa Masnaga».

Poi le finali regionali, sperando che vengano aboliti i titoli Silver. «Sono contento perché in questi anni le finali lombarde sono piaciute a tutti. E le considero un po’ una mia creatura».

Le wild card verranno rimodulate ? Tolte dalla C Gold e introdotte in Promozione ? «Sono state una bella iniziativa, che consente ai giovani di fare esperienza nei campionati senior. Però ci penseremo più avanti».

Che presidente sarà Bellondi ? «Spero un bravo presidente. Che farà il bene della Lombardia e della pallacanestro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA