Brienza: «Udanoh non torna  Mitchell e Jefferson restano»
Nicola Brienza, 39 anni, al momento dell’ingresso al PalaBancoDesio da nuovo capo allenatore (Foto by foto Butti)

Brienza: «Udanoh non torna

Mitchell e Jefferson restano»

L’allenatore della Pallacanestro Cantù fa il punto della situazione. «Ora andiamo sul mercato».

«Sono rimasto costantemente in contatto con Udanoh in questo periodo - confessa l’allenatore dell’Acqua San Bernardo, Nicola Brienza - e ho sempre cercato di arrangiare la situazione. Fondamentalmente, però, c’è che il giocatore non vuole più tornare. Ragion per cui ho chiuso ufficialmente il rapporto con lui all’interno della squadra e ora la palla passa in mano alla società che valuterà come muoversi se qualche club dovesse farsi avanti con delle offerte».

Ciò significa che verrà presto interrotto il contratto in essere con Udanoh e questo comporta che il club brianzolo dovrà procedere a tesserare un nuovo giocatore straniero in vista del match di lunedì 4 marzo con Brindisi poiché si rende obbligatorio depositare sei contratti “stranieri” che al momento, con Udanoh out, sono soltanto cinque.

«Abbiamo tempi abbastanza ristretti per procedere all’ingaggio di un lungo - fa presente Brienza - relativamente alle caratteristiche del quale non c’è da fare troppo i sofisti perché in questa fase del mercato devi un po’ adattarti a quello che trovi».

Un altro capitolo importante è quello relativo alle posizioni di Davon Jefferson e Tony Mitchell, l’accoppiata che continua ad allenarsi quando ne ha voglia (giovedì s’era il primo e non il secondo, ieri viceversa). «In questo caso la situazione è più o meno sotto controllo - fa sapere il coach -. Insomma, entrambi hanno dichiarato di voler restare e noi abbiamo tutta l’intenzione di tenerli».

L’intervista completa sulla Provincia di sabato 23 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA