Como e Alessandria
La guerra dei numeri

Sei vittorie consecutive portarono il Como al primo posto della classifica, sei vittorie consecutive hanno portato l’Alessandria a un punto dal Como

Como e Alessandria La guerra dei numeri
Como verso la partita decisiva
(Foto di La Provincia)

Sei vittorie consecutive portarono il Como al primo posto della classifica, sei vittorie consecutive hanno portato l’Alessandria a un punto dal Como. Nelle due migliori serie di successi di tutta la stagione sta la storia di questa lotta al vertice, in attesa del verdetto finale.

Il confronto tra il cammino delle due grandi rivali, però, non ha molte altre analogie. Nonostante tutto, il percorso del Como è stato decisamente sempre più proiettato verso l’alto rispetto a quello dei grigi: un dato significativo è proprio quello della classifica. Il Como non è mai sceso sotto il quinto posto, l’Alessandria nella prima parte di stagione è arrivata persino in quattordicesima posizione.

E diversi sono stati anche gli effetti del cambio di allenatore, caratteristica che accomuna entrambe.

L’effetto Gattuso si è manifestato praticamente subito, con Jack in panchina la squadra è ripartita alla grande, otto risultati positivi, di cui sette vittorie. La prima caduta è arrivata dopo due mesi, alla fine di gennaio, a Pistoia, quando il primo posto era già stato conquistato.

Ad Alessandria il cambio tra Gregucci e Longo fu in gennaio, proprio in seguito alla sconfitta con il Como. Ma gli effetti arrivarono un po’ dopo. Tant’è che, e ricordarlo decisamente brucia, quando il Como vinse al Moccagatta era primo con nove punti in più dell’Alessandria, quinta.

Ma il divario si allargò ancora nelle settimane successive, e non di poco: alla settima di ritorno, 21 febbraio, il Como battendo la Giana aveva 5 punti sulla seconda, il Renate, e 14 sull’Alessandria, che era al sesto posto. Due mesi fa, insomma, lo scenario di oggi era veramente impensabile.

Le due squadre non si assomigliano: il Como ha il miglior attacco del girone, con 52 reti segnate, l’Alessandria ha la miglior difesa, insieme a quella della Pro Patria, con 26 gol subìti. Il che non significa che i grigi segnino poco, perchè dopo il Como e la Juve U23 come numero di reti vengono loro, 47 gol fatti.

Mentre il Como non risponde altrettanto bene con la difesa, che è la dodicesima tra le meno battute del girone.

Il Como ha vinto una partita in più, ma ne ha anche persa una in più. Il Como è la squadra più forte del girone in trasferta, 32 punti contro i 29 dei grigi, l’Alessandria è la migliore in casa, 39 punti contro i 37 del Como.

Numeri alti per entrambe, tanto per ribadire che la partita di domenica sarà comunque equilibrata.

In fondo, il dato difensivo del Como in casa è decisamente meno pesante rispetto a quello esterno, mentre l’Alessandria in trasferta ha segnato relativamente poco, la metà di quello che ha ottenuto in casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}