Como, vincono anche i tifosi
E adesso l’effetto Sinigaglia

I sostenitori sono stati sempre al fianco della squadra, a partire dalla prima trasferta

Como, vincono anche i tifosi E adesso l’effetto Sinigaglia
I tifosi del Como a Brescia
(Foto di ER)

È stata, anche, la vittoria dei tifosi. Che hanno seguito la squadra in trasferta sin dall’inizio della stagione, anche nelle destinazioni più lontane, ma la quantità di persone che c’era l’altro giorno in curva a Brescia è un’immagine che non si vedeva da tempo lontano da casa, anche per via dell’assenza forzata dell’anno scorso che ha impedito di accompagnare di persona la squadra fino alla promozione in B.

Poi è andata molto meglio del previsto, ma i tifosi erano lì comunque, non sono stati a guardare la classifica per decidere, nonostante il pronostico alla vigilia fosse decisamente diverso. Non si abbatte la squadra, non si abbatte la gente. Anche in una piazza critica come quella comasca, ciò che continua ad avvertirsi è il grande entusiasmo che questa squadra sta suscitando nei tifosi. Il pubblico, la stragrande maggioranza, crede in questo Como, ha voglia di stargli vicino, ne apprezza lo spirito, sin dalla prima partita. Una condizione particolare, solo in parte - una parte comunque importante - legata alla presenza di Gattuso in panchina.

Facile prevedere, per tanti motivi, che per la partita con l’Alessandria ci sarà un’altra corsa al biglietto, come era accaduto per la gara dell’esordio casalingo. La novità dovrebbe essere quella dell’aumento della capienza. Non più un massimo di 2500 posti ma il 75 per cento del totale, quindi intorno ai 3750. Potrebbe essere l’occasione anche per rifarsi di quel Como-Alessandria senza pubblico, c’è da giurare che siano già in tanti a non vedere l’ora di essere lì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True