Cantù alla campagna di Grecia  «Il Paok è squadra organizzata»
Damian Hollis è partito per la Grecia ma non è al meglio a causa di un dolore al ginocchio destro

Cantù alla campagna di Grecia

«Il Paok è squadra organizzata»

Foxtown in campo alle 16 a Salonicco nel secondo turno delle Last32 di Eurocup. In dubbio Hollis (ginocchio)

Sulla carta, ma solo su quella, il Paok dovrebbe essere la squadra più “giocabile” per Cantù nel proprio Gruppo delle Last32 di Eurocup. E a Salonicco la Foxtown scenderà in campo oggi - nell’inconsueto orario pomeridiano delle 16 (con diretta su Sportitalia) - nella seconda giornata di questa seconda fase della seconda manifestazione continentale per rilevanza.

Il Paok si è piazzato secondo alle spalle degli imbattuti russi del Lokomotiv Kuban Krasnodar nel girone di regular season, con un bilancio di 6 successi in 10 gare, e viaggia al terzo posto nel campionato ellenico preceduto soltanto dai due “colossi” di Eurolega Olympiacos e Panathinaikos. Peraltro, lo stesso “Pana” si è dovuto arrendere alla Paok Sports Arena (capace di 8.650 posti) e in maniera piuttosto netta (71-54) non più tardi di una decina di giorni fa.

In A1 greca, 9 vittorie e 2 ko (al Pireo con l’Olympiacos e a Patrasso con l’Apollon) con percorso netto interno per il Paok, mentre il parquet di casa è saltato due volte in coppa (coi turchi del Pinar Karsiyaka e coi russi del Kuban).

«Il Paok è una buona squadra, molto organizzata e ben allenata - sottolinea Pino Sacripanti -. Stanno giocando molto bene anche in campionato grazie anche a una grande solidità difensiva. Per questi motivi domani (oggi, ndr) dovremo essere molto concentrati perché ci attende una partita molto dura. Inoltre, il Paok è squadra dalla grande tradizione che gioca in un palazzo storico della pallacanestro europea».

Tra i brianzoli è in dubbio Damian Hollis, che ha saltato gli ultimi allenamenti a causa un problema al ginocchio destro, ma che è partito comunque alla volta di Salonicco e che verrà valutato stamane in vista di un suo eventuale impiego. Sembra però più sì che no.


© RIPRODUZIONE RISERVATA