Cantù, c’è un nuovo partner È l’azienda DG Italia
La stretta di mano tra Cosma Roberto Vercelloni e Andrea Mauri (Foto by foto Pall.Cantù)

Cantù, c’è un nuovo partner
È l’azienda DG Italia

Diventa official sponsor siglando un contratto di sponsorizzazione della validità di tre anni, fino a giugno 2022.

L’Acqua S.Bernardo Pallacanestro Cantù annuncia la partnership con il marchio DG ITALIA. L’azienda canturina ha deciso di aderire al progetto pluriennale del club, diventando official sponsor e siglando un contratto di sponsorizzazione della validità di tre anni, fino a giugno 2022.

Srl è un’azienda impegnata nel mercato grafico italiano che, da quasi trent’anni, propone una serie di apparecchiature dedicate al mondo della stampa.

Andrea Mauri, dirigente responsabile di Acqua S.Bernardo Pallacanestro Cantù: «Diamo il nostro benvenuto a DG ITALIA. Personalmente sono molto contento di accogliere nel club un’eccellenza italiana che opera in tutto il mondo nel settore della tecnologia. Cantù è conosciuta all’estero per essere principalmente leader nel settore del mobile ma il territorio canturino è ricco di tante altre eccellenze. Siamo felici che DG ITALIA abbia scelto la Pallacanestro Cantù come veicolo di comunicazione per promuovere il proprio brand».

Cosma Roberto Vercelloni, managing director di DG ITALIA Srl: «Per me è un’occasione, oltre che un motivo di grande orgoglio, poter far parte di questo ambizioso progetto di rilancio della Pallacanestro Cantù. Vedere il nome dell’azienda creata da mio padre legata alla storica squadra della mia città, da canturino, è un’emozione davvero indescrivibile. Sono certo che questo legame affettivo potrà tradursi anche in una irrinunciabile occasione di business: credere nella propria città dimostra ai nostri partner nazionali ed internazionali quanto siano forti le nostre radici e i legami con la nostra terra. Grazie a tutti i miei collaboratori che hanno reso possibile questo legame di sponsorizzazione e grazie a chi mi ha spinto in questa nuova avventura ma, soprattutto, Forza Cantù!».


© RIPRODUZIONE RISERVATA