Cattaneo e Schembri  due generazioni sul podio
Federico Cattaneo, di Rovellasca

Cattaneo e Schembri

due generazioni sul podio

Ottimi risultati ad Orvieto nel Memorial Coscioni. Il velocista è oro sui 100 e il triplista è d’argento

Al 9° Memorial Luca Coscioni di Orvieti (meeting internazionale di atletica leggera) podio d’oro e d’argento per i rovellaschesi Federico Cattaneo (Riccardi Milano) e Fabrizio Schembri (Carabinieri).

Il primo (velocista rampante) si è aggiudicato i 100 metri (è campione italiano assoluto in carica) stampando per la terza volta quest’anno (dopo Savona e Ginevra) il crono di 10”33 (10”28 il personal best).

Quattro le serie e il biancoverde ha raggiunto la qualificazione con 10”34 alle spalle di Roberto Rigali (10”34, con + 2,6 di vento alle spalle).

In finale il successo del comasco è stato limpido infliggendo 12 centesimi a Delmas Obou (Cus Pisa) e a Rigali (Brixia Atletica) entrambi accreditati con il tempo di 10”45.

Per il temprato saltatore Fabrizio Schembri (classe 1981, pluriazzurro e pluritricolore) il posto d’onore del triplo con la misura di 16,14 ottenuta al quarto turno dopo che nel terzo era atterrato a 16,13.

Solo due salti messi a referto dal rossoblù che aveva i favori del pronostico. Superando per la prima volta la soglia dei 16 metri all’aperto, con tre tentativi riusciti, l’ha battuto Edoardo Accetta (Fanfulla Lodigiana) arrivando a 16,28.


© RIPRODUZIONE RISERVATA