Challenger di Como   Popyrin vince in tre set
Il giovane australiano Alexei Popyrin al Challenger “Città di Como”

Challenger di Como

Popyrin vince in tre set

Il giovane talento australiano, nel tabellone di qualificazione, ha battuto lo svizzero Margaroli

TENNIS

Challenger di Como, si parte. Sono iniziati ieri a Villa Olmo gli incontri del tabellone di qualificazione al torneo Atp “Città di Como”. Tutta l’attenzione era puntata sull’esordio del 18enne australiano Alexei Popyrin, vincitore del “Bonfiglio” e del Roland Garros Junior.

Il promettente Alexei ha dovuto faticare per quasi due ore contro lo svizzero Luca Margaroli, salvandosi quando ormai il match pareva compromesso. Margaroli infatti, perso il primo set per 6-3, era rientrato in partita vincendo il secondo parziale 6-1 portandosi poi 2-0 nel terzo set con palla per il 3-0. La partita è però nuovamente cambiata. Il giovane Popyrin ha tenuto il servizio (2-1), impattato sul 3-3 allungando alla fine sul 7-5. Il break decisivo è giunto nell’ultimo game dell’incontro.

Negli altri match di giornata hanno passato il turno gli italiani Alexander Weis, Filippo Baldi, Pietro Rondoni, Gianluca Di Nicola (ottimo nel 6-2 6-4 a Kimmer Coppejans, belga numero 293 al mondo), Andrea Pellegrino, Andrea Vavassori (che a Como gioca sempre al meglio) e Federico Gaio.

Sorteggiato intanto il tabellone principale che scatterà lunedì. Fin dal primo turno non mancherà lo spettacolo sui campi di Villa Olmo. Curioso l’abbinamento tra il giocatore di Cantù, Andrea Arnaboldi, e Salvatore Caruso, match che era valso l’accesso alla finale al recente Challenger di Biella. Una rivincita per Arnaboldi che perse in tre set dopo tre ore di lotta.

Le wild card sono andate infine a Matteo Donati, Julian Ocleppo (figlio d’arte, il padre Gianni è stato numero 30 al mondo alla fine degli anni ’70), Riccardo Balzerani e al vincitore delle Prequalificazioni, Alessandro Coppini. Coppini e Balzerani si sfideranno al primo turno. Nel tabellone entrerà anche un lucky loser in seguito al ritiro per infortunio dell’ungherese Attila Balazs.


© RIPRODUZIONE RISERVATA