Con il “Villa d’Este”  in acqua passa la storia
Imbarcazioni in acqua per un’autentica festa del canottaggio

Con il “Villa d’Este”

in acqua passa la storia

Domani da Como a Cernobbio (e ritorno) in scena il più antico trofeo che risale addirittura al 1891.

Al via domani pomeriggio sullo storico percorso da Como a Cernobbio il Trofeo Villa d’Este, che vedrà in gara un’ottantina di singolisti, riportando il canottaggio sulle acque cittadine come era nato all’inizio.

Parliamo del più antico trofeo, nato nel 1891 con la Canottieri Lario e il Grand hotel Villa d’Este. L’evento è stato presentato ieri nella sede delle Lario dal presidente Leonardo Bernasconi e dal consigliere coordinatore Andrea Fornasiero, presenti il sindaco di Como Mario Landriscina, l’assessore allo Sport Marco Galli, il presidente della Fic Lombardia Fabrizio Quaglino, Marco Rezzonico di Enerxenia e Katia Arrighi del Coni provinciale, tutti d’accordo nel plaudire incondizionatamente all’evento.

Nel dettaglio della manifestazione sono entrati Leonardo Bernasconi e Andrea Fornasiero. Dallo specchio d’acqua antistante il Tempio Voltiano, alle 15.40 partiranno i singolisti di età dai 13 ai 14 anni, che percorreranno 3.500 metri fino alle boe di virata di Villa Geno e Tavernola.

Alle 16 prenderanno il via, sempre dal Tempio Voltiano, le categorie superiori, dai 15 anni in su, per compiere l’intero percorso di 6.000 metri fino a Villa d’Este e ritorno. L’arrivo è fissato per tutti sullo specchio d’acqua lungo la passeggiata di Villa Olmo.

Alla gara hanno già dato l’adesione gli azzurri Arianna Noseda, Aisha e Patrick Rocek, Giorgia Pelacchi, Serena Mossi, Lorenzo Fontana e Matteo Della Valle.


© RIPRODUZIONE RISERVATA