Dai sogni azzurri ai palazzetti La grande pallavolo al Panathlon
Foto di gruppo per la conviviale del Panathlon

Dai sogni azzurri ai palazzetti
La grande pallavolo al Panathlon

Serata di alto livello al Palace di Como: giocatori, tecnici e dirigenti tra gli ospiti del club

C’era una volta un ragazzino, che di ritorno a casa dalla piccola e fatiscente palestra dove si allenava, passava davanti al Palalido rimanendo incantato. «Continuai a ripetermi quasi ossessivamente che il mio traguardo sarebbe stato quello di arrivare a giocare a volley li dentro».

E il sogno si avverò. Perché Paolo Cozzi, ospite d’onore della conviviale organizzata dal Panathlon Como all’Hotel Palace, dentro al tempio della pallavolo italiana ci ha giocato diverse stagioni, togliendosi anche la soddisfazione di essere selezionato nella Nazionale che ad Atene 2004 vinse l’argento.

Una testimonianza, quella del giocatore milanese, che ha emozionato i tanti soci presenti alla serata. Ovviamente il parterre di ospiti, non è stato limitato alla sola presenza del campione.

A tenere banco per la parte femminile, è stata chiamata la diciottenne Beatrice Negretti: giovane, affascinante e importantissima pedina del Volley Busto Arsizio.

Non è mancata nemmeno la nota tecnica, grazie alla presenza in sala del più importante allenatore di pallavolo della provincia, nella figura di Massimo Della Rosa. Preziosa la sua testimonianza, che è servita ad evidenziare come il volley sia formativo alla vita per le giovani leve in avvicinamento a questo sport.

Non tutte rose e fiori. Qualche spina è stata tirata in ballo dai tre presidenti invitati alla conviviale. Graziano Crimella, Ambrogio Molteni e Carlo Faverio, hanno denunciato la perenne mancanza nel nostro capoluogo e in provincia di palazzetti dello sport decenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA