Fino, nel segno di Francescucci  «Ho avuto paura di non farcela»
Il quartetto della Polisportiva Fino che festeggia il bronzo

Fino, nel segno di Francescucci

«Ho avuto paura di non farcela»

Gli ultimi successi nazionali ridanno lustro a una grande societa. La figlia dell’indimenticato presidente: «Sono contenta, lo sarebbe pure lui».

Sono passati sei anni da quando la palestra di via Leonardo da Vinci a Fino Mornasco, è diventata Accademia federale di artistica femminile. Allora Beatrice Marcato, Giulia Gulizia, Alice Beretta e Martina Peri, che domenica hanno conquistato la medaglia di bronzo nel campionato italiano Allieve Gold a squadre, muovevano i primi passi, ammirando le gesta delle “compagne” Erika Fasana, Martina Rizzelli e Sofia Busato.

Le Accademie hanno il compito di catalizzare i talenti esistenti sul territorio e di portarli poi a emergere, grazie alle strutture, alle attrezzature e alla presenza di allenatori qualificati. Ed è quello che si è verificato a Fino Mornasco, che è il centro di riferimento per la provincia di Como e per quelle limitrofe, con Marcato che è di Brenna, Gulizia di Cantù, Beretta di Alzate Brianza e Peri di Tradate.

«Non è stato semplice subentrare a mio padre che aveva 40 anni di esperienza, di abilità e di passione - dice la presidente Betty Francescucci -. Ho avuto paura di non essere in grado. Ora sono contenta - e lo sarà anche mio padre - per i risultati, per i quali devo ringraziare Laura Rizzoli e gli allenatori Rossella Iadicicco e Stefano Cattaneo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA