Gasparini, un comasco a Cantù  «È un posto dove si lavora bene»
Alle prese con una schiacciata nuovo acquisto della Pool Libertas

Gasparini, un comasco a Cantù

«È un posto dove si lavora bene»

È l’ultimo acquisto nel reparto schiacciatori-ricevitori della Pool Libertas.

Arriva a Cantù a 22 anni ancora da compiersi (è nato a Como il 13 settembre 1996) con l’ambizione di ritagliarsi qualche scampolo di gara in campo. Una fin qui breve carriera fino alla B, con l’A2 come traguardo stagionale e, chissà mai, l’ottenimento di quella crescita sportiva che, di qui a qualche anno, potrebbe addirittura portarlo oltre.

L’ultimo acquisto nel reparto schiacciatori-ricevitori della Pool Libertas si chiama Andrea Gasparini è alto due metri e dal 2007 in avanti è stato allo Yaka Volley Malnate salendo dalla D alla B. «Sono molto contento di poter fare questa esperienza», dice senza mezze misure il diretto interessato. L’occasione davanti a lui, del resto, è di quelle che non si rifiutano. Come lo stesso Gasparini afferma, infatti, «quella che mi è stata data è una grossa opportunità», consapevolezza che lo spronerà ad affrontare la prossima stagione al massimo delle sue potenzialità.

Cantù, peraltro, è una piazza adatta a giovani di prospettiva. Lo è stato per tanti di loro nel recente passato; lo sarà, se ne avrà i numeri, ovviamente anche per l’ultimo arrivato al Parini. Le condizioni di partenza, insomma, ci sono tutte per provare a fare bene. «È un ambiente che conosco già perché ho già fatto qualche allenamento qui e conosco anche i ragazzi che giocano in questa squadra», continua. L’inserimento, partendo da queste premesse, non sarà certo un problema. Cantù - è lui stesso a dirlo - «è un posto dove si lavora bene».


© RIPRODUZIONE RISERVATA