Il Como su Pochesci ma solo se si sale in C

Il Como su Pochesci
ma solo se si sale in C

La categoria è un’incognita, però già ci si muove. Il tecnico è reduce dall’esperienza in B con la Ternana

C’è il nome di Sandro Pochesci, l’anno scorso allenatore della Ternana in serie B, tra i possibili candidati alla panchina del Como. Lui è uno dei candidati, soprattutto pensando alla serie C. Mentre c’è già un probabile nuovo arrivo, l’esperto centrocampista Giovanni La Camera, già ex del Como, che avrebbe accettato indipendentemente dal fatto di giocare in C o meno.

Perchè il vero freno alla costruzione della squadra in questo momento è proprio l’incognita sulla categoria. Per quanto continuino ad arrivare segnali sul fatto che lo spazio per il ripescaggio del Como possa esserci, la mancanza di certezze è un freno con cui si deve fare i conti, almeno ancora per una settimana.

«È assurdo che si debba aspettare tanto in mezzo a una serie di situazioni così gravi, è assurdo che chi non rispetta tre scadenze importanti abbia ancora la possibilità di poter partecipare al campionato. Ma questa è la realtà», commenta Ninni Corda. Il responsabile tecnico del Como è sempre stato il più ottimista sulla possibilità di giocare in C. «E lo resto. Però certamente questi ultimi giorni che ci separano dai verdetti un po’ di tensione comincia a crescere. C’è sempre il dubbio che in extremis qualcosa accada. Anche se ci sono società con difficoltà gravissime. Non vedo come possano farcela il Cesena in B, o la Reggiana e la Lucchese. Ma anche la Fidelis Andria è messa male, e il Mestre».

E’ arrivata anche la notizia che il Trapani avrebbe disdetto il ritiro. «Sì, le nostre speranze sono tante, però dobbiamo aspettare. E questo non ci agevola nel fare la squadra».

Si diceva dell’allenatore. Pochesci è già stato contattato. Poi ci sono un altro paio di profili, in caso di serie D. Ormai scontato il fatto che Andreucci non sarà confermato Il ritiro ad Arona comincia lunedì 23, fino al 12 agosto. «Chi ci sarà? Per ora ci limitiamo alle conferme. Poi certamente dovremo accelerare, prevedo una decina di acquisti negli ultimi dieci giorni di luglio».

Nell’elenco per ora ci sono dodici nomi, undici giocatori dell’anno scorso che saranno ancora nel Como, più La Camera. In difesa resteranno Anelli, De Nuzzo, Di Jenno e Loreto, a centrocampo Bovolon, Buono, Cicconi e Gentile, in attacco Gabrielloni, Gobbi e Fusi. Ci sono dubbi sulla possibilità di tenere Kucich, «è una trattativa in evoluzione, abbiamo comunque contatti con club come Inter, Udinese e Cagliari per avere un giovane portiere di qualità»..

© RIPRODUZIONE RISERVATA