Juniores, è un Bagioli bis Che festa per il Canturino
L’arrivo in solitaria di Andrea Bagioli a Cantù (Foto by Iannice)

Juniores, è un Bagioli bis
Che festa per il Canturino

Il gialloblù, come l’anno scorso, mette la firma nella gara di casa, tradizionale appuntamento pasquale

Uno scatto improvviso, secco. Il gruppo dei primi si sfilaccia e per chi insegue c’è davvero poco da fare.

In questo modo, e quando l’arrivo era ormai nel mirino, il “comasco d’adozione” Andrea Bagioli (Club Ciclistico Canturino 1902) ha fatto sua la 38° Coppa Città di Cantù, la classica del ciclismo Juniores di Pasqua che, domenica, ha messo in palio anche il 30° Trofeo Cassa Rurale ed Artigiana di Cantù.

Così come avvenuto lo scorso anno, Bagioli non si è fatto pregare e, questa volta con addosso la maglia di campione regionale vinta nel 2016 e ancora sulle sue spalle per qualche mese, ha innestato il turbo nelle fasi finali della gara, staccando i primi avversari di 7”.

Alle sue spalle, un altro corridore comasco, Andrea Barbierato (Energy Team Kuota Albese): nella volata per la seconda piazza, Barbierato è stato lesto a vincere la concorrenza del plotoncino con lui, incassando in questo modo un piazzamento davvero prestigioso, specie se a ridosso di un Bagioli davvero in forma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA