La multinazionale pronta a comprare  Per ora nessuno va
Da sinistra lo sponsor Verga, il presidente Nicastro e l’ad Felleca domenica al termine della gara

La multinazionale pronta a comprare

Per ora nessuno va

Settimana forse importante per il futuro del club. Nicastro: «È stato fatto gran parte del lavoro».

Settimana importante per il futuro societario? Parrebbe di sì. Ma a questo punto, come ha ribadito ieri il presidente Massimo Nicastro, «buona parte del lavoro è stato fatto». Continua a restare un certo mistero su chi sarà il nuovo proprietario del Como. Anche perchè non si tratta, a quanto pare, di un volto preciso, con un nome e un cognome, per quanto evidentemente una figura di riferimento prima o poi emergerà. «Un gruppo, una multinazionale», spiega Nicastro.

E i rappresentanti di questo gruppo sono stati anche di recente a Como, a visitare le strutture, a vedere anche qualche partita. La base è negli Stati Uniti, il tramite sarebbe la Greenwich Advisory, una società che si occupa di investimenti ad alto livello in realtà sportive. E nei prossimi giorni, inteso appunto forse questa settimana stessa, qualcosa sarà certamente finalizzato nero su bianco.

«Da qui a considerare la società effettivamente venduta passerà del tempo - ha spiegato Nicastro -, gli investimenti internazionali non sono operazioni semplici, e ci sono ancora dettagli da definire oltre che diverse formalità a cui adempiere. Cederemo tutto, sia io che Felleca? Sì, non manterremo quote, questa è l’intenzione. Ma sinchè non ci sono firme, di ufficiale non ci può essere nulla. E nemmeno siamo tenuti a poter dire più di tanto».

Si tratta solo di tempo, anche se potrebbe essere a questo punto un tempo piuttosto breve. Ciò che è certo è che nulla cambierà nella gestione tecnica della squadra fino al termine della stagione, cosa che del resto avrebbe poco senso soprattutto ora con il primato in classifica e una situazione che sta funzionando. Sulla gestione economica della società, invece, dipende da quando e con quali accordi si chiuderà questa trattativa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA