Nazionale Under 20  Convocato Baparapè
Biram Baparapè (Foto by Pozzoni/Butti)

Nazionale Under 20

Convocato Baparapè

Prima chiamata in azzurro per il giovane canturino, tesserato per la Red October

La prima maglia dell’Italia non la si scorda più. A 19 anni infatti Biram Baparapè è stato convocato per la prima volta in una nazionale giovanile. Sarà al raduno dell’Under 20 azzurra che si terrà il 27 e 28 febbraio a Roma; con lui anche Cesana e Nwohuocha, che erano già nell’U20 l’anno scorso sotto età e che quest’anno saranno tra i “titolari” della categoria, mentre Fioravanti era presente al raduno di gennaio.Una bella soddisfazione per Baparapè che suggella così (per ora) una stagione speciale. La guardia e play del ’97 è infatti nel roster di serie A della Red October.

«Non me l’aspettavo proprio, e quando ho saputo della convocazione in nazionale non ci credevo. Addirittura non avevo ancora letto la notizia, e già mi arrivavano i messaggi di congratulazione. La prima cosa che ho fatto è stato correre dai miei genitori per dirglielo – spiega il giocatore nato a Desio, da famiglia originaria di Benin e Gambia, e da due anni residente a Cantù -. E’ sempre stato il mio sogno. Lo interpreto come un premio per tutti gli sforzi miei e dei miei genitori. Anche se arriva all’ultimo anno giovanile, ma meglio tardi che mai. E sarà uno stimolo in più per continuare a migliorare».

Nella nidiata dei ’97 Baparapè è quello che ha preso una strada diversa scegliendo la serie A. Finora 18 presenze e, come prevedibile, nessun minuto.. «Sapevo che non avrei giocato - dice -. Ma è un’esperienza che mi permette di imparare un sacco di cose. Nel misurarmi con una fisicità superiore alla mia, e nell’apprendere tante piccole astuzie. Mi confronto con giocatori esperti di alto livello e sono fortunato perché mi danno molti consigli. Chiaramente mi manca il campo, ma sono contento della scelta che ho fatto. E in cuor mio spero sempre di giocare… Coach e vice dicono di credere in me e di essere paziente che arriverà il mio momento».


© RIPRODUZIONE RISERVATA