Picchio: «Peccato per l’esordio
Noi della Libertas ci tenevamo»

La prima da titolare, per il libero di Cantù non è coincisa con un successo

Picchio: «Peccato per l’esordio Noi della Libertas ci tenevamo»
Matteo Picchio (Libertas Cantù)
(Foto di Cusa)

Dalla sua prima, vera, gara in A2, Matteo Picchio avrebbe voluto avere qualcosa in più. «C’è molta amarezza», ammette il libero chiamato in corsa a sostituire l’infortunato Luca Butti. «Era la mia prima partita da titolare in A2 e ci tenevo a vincere. Peccato», prosegue pensando al 3-1 subito a Castellana Grotte.

Un match, quello di mercoledì, fatto «di tanti alti e bassi», con Cantù che ha aggredito il primo set («E ce lo siamo portati a casa», commenta), per poi subire il ritorno della Bcc, abile a prendere «le contromisure» al gioco della squadra di coach Matteo Battocchio e, «grazie alla loro esperienza», a rimanere in partita anche nei momenti più complicati, fino a incassare la posta piena. «C’è un po’ di rammarico perché ci tenevamo a fare bene, a vincere, a portare a casa dei punticini», prosegue Picchio, consapevole che la strada di fronte alla Libertas è irta di ostacoli, soprattutto in questa fase post quarantena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA