Sarà una Libertas più canturina
E per allenarsi c’è Villa Guardia

Dalla prossima settimana cambieranno i quartieri generali canturini

Sarà una Libertas più canturina E per allenarsi c’è Villa Guardia
Massimo Redaelli (a sinistra) e Matteo Battocchio
(Foto di Cusa)

Sarà una Pool Libertas Brianza un po’ meno brianzola e un po’ più canturina, o comunque comasca, quella che vedremo a partire dalla prossima settimana allenarsi in vista del prossimo campionato di serie A2 di volley maschile.

La sua base, infatti, non sarà più nel Monzese, con la CandyArena a prima scelta per gli allenamenti, i giocatori ospitati in albergo a poca distanza dal palazzetto e qualche palestra qua e là a tamponare la necessità di spazio in corso d’anno, bensì tra Cantù e i paesi limitrofi.

«Quest’anno non ci alleneremo più a Monza e gli appartamenti dei giocatori saranno tutti a Cantù», spiega il general manager Massimo Redaelli introducendo una novità che è sì di natura logistica, ma al contempo eviterà gli spostamenti infrasettimanali che, lo scorso anno, tanto diedero noia alla truppa di coach Matteo Battocchio.

Detto delle gare al PalaFrancescucci, anche gli allenamenti saranno concentrati a due passi dalla Città del mobile, con il palazzetto di Casnate con Bernate e, ed è notizia di questi giorni, la palestra di Villa Guardia a ospitare capitan Dario Monguzzi e compagni per tutta la stagione ormai alle porte.

«Grazie al presidente della Polisportiva, Paolo Gini, e al responsabile della sezione pallavolo, Andrea Pedretti, proprio a Villa Guardia siamo riusciti a trovare lo spazio per due allenamenti settimanali nelle giornate di mercoledì e giovedì», continua il gm canturino.

A testimonianza di questa collaborazione, il prossimo 11 settembre proprio a Villa Guardia sarà ospitata un’amichevole contro Reggio Emilia, un’iniziativa nata «per la promozione della pallavolo tra le giovani» della società che ha aperto le porte alla Libertas che, ed è l’auspicio degli appassionati, non resterà certo isolata in corso d’anno.

Il PalaFrancescucci, da parte sua, è pronto per ospitare le prime gare aperte al pubblico. «Gli ingressi avverranno con Green pass, con una percentuale sulla capienza totale del 35%. Si tratta di 650 posti, una dotazione non esattamente ridotta che, dunque, ci garantirà una discreta affluenza di pubblico. I bollini per il distanziamento, peraltro, sono già stati fatti per lo scorso campionato: siamo pronti, insomma».

La prossima settimana, martedì, inizieranno gli allenamenti. Una sfida importante quella che si prepara di fronte alla Libertas, mai come quest’anno desiderosa di assolvere appieno quel ruolo di “mina vagante” che le è stato cucito addosso negli ultimi tornei. «Siamo pronti a tutto tondo», conclude Redaelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True