Pancotto: «Occorre sputare sangue  Soltanto così si vincono le partite»
Cesare Pancotto dà istruzioni ai suoi giocatori nel corso di un timeout (Foto by foto Butti)

Pancotto: «Occorre sputare sangue

Soltanto così si vincono le partite»

Basket serie AIl coach della San Bernardo fa il punto in vista del match di domani a Pistoia.

«La sconfitta contro la Virtus Roma ci ha fatto capire una cosa importante: non bastano 35 minuti di buon basket, nella nostra serie A ne servono 40». Ennesima tappa di un percorso, Roma ha insegnato questo, a detta di Cesare Pancotto.

E quando le partite sono punto a punto, essere concentrati sempre è una necessità. Lezione da imparare in vista di una sfida salvezza cruciale per Cantù sul campo della OriOra Pistoia, quasi sul fondo della classifica con 2 punti, davanti solo a Pesaro ancora a quota zero.

Ma coach Pancotto non è tipo da star lì a far la spunta e a pesare le differenze, come ammette alla vigilia della partenza della squadra per la Toscana.

«Chi vuole la salvezza in serie A deve conquistarsela su tutti i campi - fa presente -, perché le partite non si vincono sulla carta o sulla base delle classifiche del momento, ma sputando sangue in mezzo al campo, con motivazione, determinazione, applicazione e durezza mentale. E questo è un concetto che apre la strada verso Pistoia: dobbiamo migliorare la quantità e qualità di gioco all’interno della gara, tendendo a fare i 40 minuti al massimo livello come nostra “mission”».

Sul proprio cammino, l’Acqua San Bernardo troverà una squadra che si ritrova indietro in classifica, con una grande necessità di tornare a far punti: «Considero Pistoia una realtà ormai consolidata della nostra serie A, una società oculata, con un palazzetto che sprigiona entusiasmo, energia e passione: mi piacerebbe che ne assorbissimo anche noi, per giocare al meglio delle nostre possibilità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA