Paralimpiadi, si nuota  Dolfin cerca il podio
Marco Dolfin

Paralimpiadi, si nuota

Dolfin cerca il podio

In Brasile difende i colori dell’Italia e della Briantea84 Cantù, al suo fianco l’allenatore canturino Alessandro Pezzani

Marco Dolfin è pronto. E con lui, la Unipol Sai Briantea84 e tutta Cantù. Il nuotatore chirurgo di Torino – che però ha scelto di vestire i colori della società di Alfredo Marson– entrerà in vasca, per il suo esordio paralimpico a Rio de Janeiro, oggi.

Si parte alle 14.46 ora italiana con i 50 stile classe S6. E questo sarà solo l’inizio di una quattro giorni non-stop che vedrà Dolfin impegnato in un poker di specialità: 50 e 400 stile (classe S6), 200 misti (SM6) e 100 rana (SB5), la “sua” gara, quest’ultima, quella che lo vede al quinto posto del ranking mondiale, quella che lo ha visto trionfare con una medaglia di bronzo agli Europei del 2016 a Funchal, in Portogallo. «Stiamo vivendo un momento speciale - ha commentato l’allenatore di Dolfin, il canturino Alessandro Pezzani - abbiamo lavorato tanto per arrivare fino a qui. Marco, mi ha voluto al suo fianco in questo appuntamento e io non vedo l’ora di condividere con lui ogni singola emozione. Affrontiamo le gare con la consapevolezza di aver fatto del nostro meglio e ci auguriamo di divertirci, a livello cronometrico e sportivo, dando il massimo ed esprimendo tutte le nostre potenzialità».

Dopo lo stile di oggi, con eventuale finale in serata, domenica, alle 14.30 ora italiana, ci sono i 100 metri rana SB5; lunedì 12 settembre, sono in programma i 200 misti SM6 alle 16.18, ora italiana; mentre i 400 stile libero S6 saranno alle 14.30. Tutte le eventuali finali saranno in serata.n 


© RIPRODUZIONE RISERVATA