Recalcati: «Abbiamo dimostrato  di potercela giocare alla pari»
Carlo Recalcati, coach della Mia Cantù

Recalcati: «Abbiamo dimostrato

di potercela giocare alla pari»

Il coach della Mia: «Il rammarico è che la nostra partita è stata segnata dai primi dieci minuti»

Certo, una sconfitta non può mai portare il buon umore, ma Charlie Recalcati sa che della prestazione offerta dalla sua Cantù sul parquet di Avellino c’è molto da salvare: potesse tornare indietro, probabilmente cambierebbe un solo particolare.

«Credo che tutti possano essere d’accordo su un pensiero: la nostra partita è stata segnata dai primi dieci minuti, mi sembra chiaro. Ci siamo complicati di molto la vita perché poi siamo stato costretti a rincorrere per tutto l’arco del match e a spendere molto. Per gli altri tre quarti non posso che essere soddisfatto, ovviamente. Siamo stati bravi nel rimettere in piedi una partita che sembrava persa, concedendo qualcosa di troppo a rimbalzo e in difesa ma mettendo a posto diverse cose e alla fine pareggiando anche il bilancio sotto le plance».

«Dispiace perché abbiamo dimostrato di poter giocare alla pari per lunghi tratti - prosegue -. Non siamo stati però abbastanza efficaci dal punto di vista difensivo all’inizio, anche probabilmente ci è mancata la giusta energia per poter mettere in difficoltà Avellino».

Nonostante la buona prestazione, però, è arrivato il terzo ko di fila per la Mia che non può considerarsi ancora al riparo dal rischio retrocessione, come afferma lo stesso allenatore canturino, invitando tutti alla massima concentrazione, cominciando dai suoi stessi giocatori.

«Se la squadra ha staccato la spina? Devo rispondere di no, perché sarebbe da pazzi. Abbiamo fatto un buon percorso finora per tirarci via dalle zone basse ma non siamo ancora arrivati al traguardo: se non ci arriveremo perché non ne saremo capaci sarà un conto; se invece dovesse sfuggirci per un non aver capito la nostra missione allora sarebbe grave. Dobbiamo restare sul pezzo».

SERIE A - 11^ GIORNATA RITORNO

Dolomiti Energia Trentino - Banco di Sardegna Sassari 57-66 EA7 Emporio Armani Milano - Umana Reyer Venezia 88-80 Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 73-68 Sidigas Avellino - MIA-Red October Cantù 92-86 Enel Basket Brindisi - Consultinvest Pesaro 93-94 d1ts Pasta Reggia Caserta - Fiat Torino 83-76 Vanoli Cremona - Germani Basket Brescia 80-86 The Flexx Pistoia - Betaland Capo d’Orlando 75-59

CLASSIFICA

Milano 42 punti; Venezia 34; Avellino 32; Trento, Sassari, Reggio Emilia 30; Capo d’Orlando 28; Pistoia 26; Brescia, Brindisi, Torino, 24; Varese 22; Cantù, Caserta 20; Pesaro 16; Cremona 14.


© RIPRODUZIONE RISERVATA