Solo panchina per Spreafico Ma è la presenza numero 30
Laura Spreafico in maglia azzurra

Solo panchina per Spreafico
Ma è la presenza numero 30

L’Italia batte anche la Repubblica Ceca. E per la comasca arriva un nuovo gettone.


L’Italia centra la doppietta e Laura Spreafico fa trenta. È mancato solo l’acuto finale alla Nazionale femminile di basket nella seconda finestra delle partite di qualificazione all’Europeo che si è disputata nella “bolla” di Riga.

Le azzurre infatti brillano come non succedeva da tempo, e fanno bottino pieno vincendo entrambe le gare con la Romania (90-68) e con l’imbattuta Repubblica Ceca (69-63), senza però riuscire a ribaltare il -10 subito contro le ceche un anno fa a Cagliari. L’Italia affianca così la Repubblica Ceca in vetta al girone D, ma con la differenza canestri a sfavore.

Sarà la terza e ultima tornata di partite in programma a febbraio ad assegnare alla prima classificata la qualificazione all’Europeo che si terrà a giugno 2021 in Spagna e Francia; passano però anche le cinque seconde migliori dei nove gironi.

Intanto in Lettonia ha festeggiato il ritorno in maglia azzurra Laura Spreafico. La 29enne assese (quest’anno capitana a Lucca) era tra le 14 convocate dal nuovo c.t. Lino Lardo. Nella prima partita è rimasta esclusa dalle dodici a referto, mentre era presente nel match cruciale con la Repubblica Ceca senza però avere l’occasione di entrare in campo.

Per la giocatrice ex Comense è stata comunque la trentesima presenza nella Nazionale senior. E il fatto di essere tornata nel giro azzurro a oltre un anno dalla sua ultima apparizione durante un’amichevole, e soprattutto in un contesto così significativo come quello delle qualificazioni europee, è un segnale importante. L’obiettivo è quello di esserci anche in occasione della prossima chiamata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA